Pensieri di viaggio in una tazza di té

Sono di nuovo in treno, su quel lungo treno regionale che impiega 4 ore da Firenze a Roma, ma cui non rinuncerei per nessuna ragione al mondo. Oggi c’è brutto tempo, tetre nuvole si inseguono in un cielo plumbeo, rari squarci d’azzurro stanno per soccombere di nuovo.

Scorre accanto a me la campagna, il paesaggio verde dei boschi e dei prati risalta di più nell’ombra delle nubi. Un antico ponte diroccato, a cavallo di un fiume, di cui rimane in piedi solo un’arcata e mezzo pilone rende uno squarcio di paesaggio sublime. Mi ricorda le Lettere da Ventimiglia di Iacopo Ortis, quando lui, inoltrandosi nella stretta Val Roja descrive affascinato e spaventato le bellissime e terribili creste rocciose che cadono a strapiombo nel fiume. Così quel ponte, distrutto da secoli di storia, è stato sconfitto dalla natura: magari una piena del fiume, magari l’instabilità del terreno, magari semplicemente il tempo, che scorre lento, inesorabile ma implacabile. Il tempo vince su tutto, i nostri tentativi per misurarlo, per razionalizzarlo, magari per fermarlo, sono inutili.

Di nuovo sono in treno, e desidero una tazza di té. Una tazza di té caldo, scuro come scura è l’atmosfera là fuori, che sollevi un fumo denso come dense sono le nubi che nascondono il cielo. Accanto a me un signore sta fotografando il paesaggio. Invano cerca di fissare per sempre un’impressione che è fugace nel momento stesso in cui la si coglie, è già p persa per sempre. Ne serberà il ricordo, ma gli resterà avvolto nella nebbia, come le cime di queste montagne che scorrono intorno.

Ancora desidero una tazza di té: il verde scuro dei boschi mi fa pensare alle pendici dell’Himalaya – non so se sono così, non le ho mai viste, ma mi piace immaginarle in questo modo – alle piantagioni in altura di camelie sinenses, alle donne in abito tradizionale che raccolgono nelle loro gerle i germogli autunnali. Voglio un té che raccolga in tazza tutte queste sensazioni, le rielabori e le renda mie. Voglio che questa tazza duri il più a lungo possibile: una calamita probabilmente attira il mio sguardo fuori dal finestrino, mi spinge a guardare, a osservare i più minuti dettagli, perché ogni singolo dettaglio concorre a creare la bellezza dell’insieme, la bellezza sublime che è qui intorno a me. Non voglio che finisca, questa tazza di té.

piantagione di té himalaya

2 responses to this post.

  1. semplicemente meraviglioso

    Rispondi

  2. Hai reso l’idea di quanto un attimo di noia possa diventare, se lo si sa cogliere, un momento unico,, da ricordare.
    Bello davvero.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: