Posts Tagged ‘té di natale’

Christmas Teatime. Con le amiche, ovviamente

Amo le tradizioni. Sono così rassicuranti!

christmas teatimeCosa fa sì che un gesto, o un evento, diventi tradizione? Lo scambio dei regali a Natale, a cena fuori (pago io) per il compleanno, un pic-nic per ricordare l’anniversario dell’assunzione a lavoro, un pranzo in inverno tra amiche nel luogo più accogliente che esista: una bella casa antica, già addobbata per le feste, con la tavola apparecchiata, tante leccornie da gustare e a seguire lo scambio di pensierini di Natale e immancabile il té a metà pomeriggio. Sono queste, le rassicuranti tradizioni che amo.

Tra chiacchiere, scambi di complimenti (“Che buono…” “Che brava!” “Oh che bellino!”), coccole al bel micio vanesio e le immancabili grasse risate, tra porzioni abbondanti di dolce (sì, è Alice di Pane Libri e Nuvole che prepara la torta ogni volta, e ogni volta supera il concetto di slurp!), regalini DIY (sempre made in Fancyhollow by Silvia, sennò che Natale sarebbe?), tra la risata spontanea e contagiosa di Chiara, la parola saggia, ma che nasconde quel pizzico di rompete-le-regole di Barbara, tra l’ospitalità della padrona di casa, Ada, che ci tratta sempre da principesse quando, con la sua forza carismatica potrebbe rovesciar governi, e la bellezza di Irene+1, che ci ha trasformato tutte in zie prima del tempo (però troviamoglielo un nome a ‘sto figliolo, eh?), anche quest’anno la tradizione si è rinnovata. E abbiamo avuto il nostro pranzo a Sinalunga.

Siamo nella Valdichiana, ma molto vicino alla Valdorcia. Nella bella campagna toscana insomma, quella delle dolci colline, dei campi di grano e dei prati in cui pascolano le vacche chianine, dei bei borghi medievali appoggiati sulla cima dei colli, e di un antico passato etrusco che nessuno qui dimentica. Poi noi siamo tutte archeologhe, tranquilli che ce l’abbiamo ben presente. In un paesaggio antico, in un paese che ha ritmi ben diversi dalla Firenze di tutti i giorni, la gita a Sinalunga è sempre una gioia.

È una gioia il pranzo, ed è una gioia il té.

il mio té di NataleQuest’anno è stata Irene ad animarlo. Il suo regalo di Natale è stato un bellissimo vasetto di vetro riempito del blend Il sogno di Michelangelo de La via del Té. Non potevamo farlo passare inosservato, così l’abbiamo subito provato: pinoli, petali di fiori  (fiordaliso e girasole) un lieve sentore di cioccolato ci hanno riscaldato l’anima. Ada ha tirato fuori, come tradizione, la sua collezione di favolose tazze a tema natalizio (quest’anno abbiamo contribuito noi colleghe a incrementarla). Presto fatto: metti una cassapanca, un vassoio, le tazze da té, i biscotti spekulaas preparati da Barbara e il christmas teatime scocca improvvisamente!

E tra una tazza di té e un biscotto, scorrono come l’acqua le chiacchiere e le risate di cuore; i problemi e le incognite lavorative gettano ogni tanto un’ombra, ma come una nuvola passeggera vengono spazzate via dalla prima battuta, dal primo starnuto, o dalla coda del gatto che si struscia su una gamba. Basta poco per donarci il sorriso, in fondo.

E a pensarci bene, non è il blend che rende tale il té di Natale. Ma è l’atmosfera, il luogo, la compagnia, la disposizione d’animo. E io sì, a Sinalunga con le amiche mi sono goduta il mio té di Natale.

Auguro a tutti voi di passare momenti come questo. Fanno bene all’anima.

Buon Natale

Marina

 

Annunci

Guida ai té di Natale 

Ormai ci siamo, tra meno di 20 giorni è Natale. Campanellini, lucette rosse, alberi addobbati a festa, e per merenda una bella cioccolata calda o un té con biscottini. Nella teiera fumante si sprigiona l’infusione… già, ma quale?

Come per le birre, anche il té ha le sue stagioni. Per il té, ciò è particolarmente evidente nelle scelte stesse che facciamo noi: d’estate preferiamo tè leggeri e fruttati, che si prestino ad essere consumati freddi. Per contro, in inverno preferiamo (leggi: io preferisco) infusioni più forti, più corroboranti, più piene, che riempiano di sé e della propria fragranza l’ambiente e facciano atmosfera.

Un vero Christmas Tea Party: tazze a tema natalizio e profumo di calde spezie che si sprigiona da esse

Un vero Christmas Tea Party: tazze a tema natalizio e profumo di calde spezie che si sprigiona da esse

I té di Natale si inseriscono perfettamente in questa tendenza: che siano neri o verdi, sono caratterizzati da profumi intensissimi di spezie e fiori.

Il té verde e i té neri della collezione di Natale de La Via del Té: si differenziano anche cromaticamente, oltre che per profumo e ingredienti

Il té verde e i té neri della collezione di Natale de La Via del Té: si differenziano anche cromaticamente, oltre che per profumo e ingredienti

I té neri solitamente per l’occasione si fidanzano con i toni dell’arancia e della cannella, dello zenzero, del chiodo di garofano e del pepe, e con il colore dei boccioli di rosa gialla e delle bacche rosse.

I té verdi si accompagnano agli agrumi, ai fiori, al pepe rosa, e affidano quel certo non so che di dolce al cioccolato bianco, che per esigenze estetiche può essere a forma di stellina, o a zuccherini, anch’essi a forma natalizia.

Spesso questi té sono belli da guardare sfusi, ancora dentro il loro scatolino, o sul cucchiaio che li verserà nell’infusore. Allora si gioca tutto sui contrasti cromatici degli ingredienti, e forse uno degli aspetti divertenti è provare a indovinare tutti i vari elementi che, uniti insieme, danno vita a questa sinfonia di profumi.

Ormai quasi tutte le case produttrici di té hanno il loro té di Natale.

La Via del Té ha addirittura dedicato qualche anno fa un bel cofanetto con 3 differenti variazioni sul tema (cui se ne è aggiunta una quarta!): due té neri e un té verde, tutti con una fortissima personalità e adatti a tutti i gusti: gli amanti del té verde ad ogni costo sono solitamente svantaggiati per la produzione natalizia, ma invece La via del Té pensa anche a loro con la scatola verde del Green Christmas, un té bancha arricchito con arancia, girasole, pepe rosa. Personalmente, però, preferisco la loro scatola rossa, con il té nero Racconto di Natale, dal carattere secco e amarognolo in cui risalta la cannella e il chiodo di garofano; l’altro té nero, nella scatola bianca, White Christmas, è più dolce: al suo interno boccioli di rosa gialla, mandorla, arancia e cristalli di zucchero. La quarta variazione, che non ho ancora provato, ma che assaggerò quanto prima, è Orange Christmas, un rooibos con arancia, cannella, girasole (La Via del Té ha 3 punti vendita/sale da té a Firenze, altrimenti si trova online).

Il cofanetto di tre té di Natale della Via del Té

Il cofanetto di tre té di Natale della Via del Té

Mariage Frères, in assoluto la casa da té alla quale sono più affezionata (ogni volta che vado a Parigi il pellegrinaggio è d’obbligo in nella loro sala da té in rue del Bourg-Tibourg nel Marais), ha prodotto quest’anno un’intera linea di té di Natale, che si va ad aggiungere ad una vecchia linea di Thè de Noël. Quelli dell’edizione 2016 sono in eleganti confezioni cilindriche allungate e colorate variamente a seconda dell’aroma: Christmas Cake, Christmas Pudding, Christmas Orange e Christmas Strawberry si affiancano al più classico Noël Tea. E potessi ne farei la scorta (Mariage Frères è in vendita in Italia a Roma nella pasticceria D’Agnino, in Galleria Esedra, altrimenti online).

La collezione natalizia di Mariage Freres

La collezione natalizia di Mariage Freres

Anche Damman Tea propone la sua collezione natalizia di té: piuttosto vasta, offre accanto ai té neri e ai té verdi anche un té bianco. Interessanti anche le preparazioni con il nome di città: Noël à Paris, Noël à Vienne, Noël à Prague… Suggestioni a go-go, di quelle che a me personalmente attirano sempre tanto (i prodotti Damman si trovano in tutta Italia in vendita in alcune pasticcerie particolarmente ben fornite, e altrimenti online).

Infine Peters’ TeaHouse ha una discreta collezione di té di Natale: le scelte cadono su un té nero speziato con lieve sentore di cacao, un té nero al profumo di strudel di mele (molto natalizio!), un rooibos con stelle di cioccolato e infusi alla frutta (Peter’s TeaHouse ha alcuni punti vendita in Italia – a Firenze e Genova, per esempio – altrimenti si trova online).

 

Avete scelto il vostro té di Natale 2016? Quali profumi vi fanno sentire di più l’atmosfera del Natale? Cannella, zenzero, chiodi di garofano, o le stelline di cioccolato? Parliamone nei commenti, oppure su facebook!

Un té invernale con le amiche, 2015 Edition

image Gli ingredienti sono i soliti: le amiche innanzitutto, quelle con cui ormai condividi giorno per giorno gioie e dolori, menate e fatiche, soddisfazioni e piccoli successi quotidiani. Sono anche quelle amiche che per fare spirito di gruppo perché “o tutte o nessuna” e perché “è giusto così”, prendono decisioni corali del tutto inaspettate, roba da cambiare il corso della storia, per capirsi. Queste amiche si incontrano spesso, si frequentano quotidianamente, eppure hanno trovato un’occasione per una ricorrenza speciale, che anno dopo anno si ripete sempre uguale.

Così ci siamo ritrovate ancora una volta tutte insieme. Abbiamo pranzato (abbondantemente), abbiamo mangiato una supertorta di Alice, alias Panelibrienuvole e poi, nel pomeriggio, ci siamo deliziate con il té. Che si adatta bene sia al clima di inizio dicembre, con la stufa che scoppietta nel salone regalando luce e calore, sia all’atmosfera di chiacchiere e ciane (per dirla alla toscana) che in realtà sono iniziate già prima di pranzo, ma che con il té prendono una piega risolutiva.
imageLa casa antica, arredata con gusto e che traspira familiarità e amore per le cose semplici e tradizionali è lo sfondo ideale. L’orario è anch’esso quello giusto: le Cinque, non un minuto di più, non uno di meno. Non manca che mettere su l’acqua per il té e scegliere il blend adatto. Viene votato quasi all’unanimità un té al cioccolato. Si chiama Dolce tentazione e la è in effetti: acquistata in un’erboristeria che è molto più del suo nome, regala sensazioni calde, note dolci e ovattanti, come solo il cioccolato sa fare.
image Le tazze che la nostra ospite ci propone sono tutte natalizie: chi ne riceve una a forma di albero di Natale, chi a forma di calza della befana, chi di gufo rosso con i grossi occhioni impertinenti, chi verde con una buffa alce in rilievo… la collezione di tazze natalizie, vanto della nostra ospite, è un’esplosione di gioia! A completare il teatime biscotti appositamente preparati: ci sono i miei, a base di farina di mais e in parte farciti con una crema di nocciola e miele, e quelli di Barbara, alias Piumino, che ha ricreato i tradizionalissimi omini di zenzero che fanno tanto Natale.
E mentre si sorseggia il té si beve, si scherza, si ride, ma si discute seriamente del nostro futuro, delle sfide che ci attendono e che hanno una sola risposta: l’unione fa la forza. E noi siamo, dopo oggi, più che mai unite.

image

La mia Christmas Tea Table

Anche quest’anno non poteva mancare la foto natalizia per Il Mio Té Blog. Quest’anno abbiamo realizzato una Christmas Tea Table che, una volta terminato il set fotografico, abbiamo deciso di mantenere allestita accanto al presepe: una decorazione natalizia come un’altra, un angolo del té di Natale che non occupa tanto spazio ma che fa bene al cuore per chi ama il genere.

Siccome sono prolissa e alle volte tendo ai sentimentalismi, mi piace raccontarvi come ha avuto origine tutto questo. Lo so, voi volete vedere solo la foto e di conoscere tutti i retroscena non ve ne può fregare di meno, ma sono le 5 del mattino, sono a lavoro, devo restare sveglia in qualche modo e a quest’ora siete la mia unica compagnia. Sicché, ora, vi tocca leggere.

Quando siamo stati a New York a ottobre, c’erano già occasioni per potersi procurare oggettistica natalizia: al negozio It’s always Christmas in The City, per esempio, abbiamo acquistato una mug a forma di Babbo Natale e una pallina per l’albero che… beh, ve ne riparlerò a breve. In un negozio di arredi per la casa, poi, abbiamo trovato una tea towel rossa con la cintura nera e il bordo di pelliccia bianco da vestito di Babbo Natale: che fai, la lasci lì a New York o decidi che quella sarà la base della tua foto natalizia per Il mio té blog? Esatto, così è stato, e la nostra Santa’s Tea Towel è stata degnamente impegnata. Va detto, a onor del vero, che per fortuna non mi dedico particolarmente al tema Natale, perché altrimenti sarebbe la volta buona che tocca uscire di casa a me per far posto alla mia collezione

Ma bando alle ciance: ecco la foto che abbiamo predisposto con mio marito, autore dello scatto:

La nostra Chistmas Tea Table - Foto: Lorenzo Bagnoli

La nostra Chistmas Tea Table – Foto: Lorenzo Bagnoli

Come vedete, la Santa’s Tea Towel fa esattamente il suo lavoro: è la tovaglia sulla quale si dispongono gli altri oggetti. Intanto un panettoncino al Matcha prodotto da La Via del Té a Firenze, che abbiamo degnamente onorato dopo il photoshooting: molto dolce, ma particolarmente aromatico, e dall’impasto, all’interno, di un bel verde chiaro acceso. La tazza a forma di Babbo Natale che fa la capriola in secondo piano è la tazza cui accennavo più sopra: quand’è capovolta Babbo Natale è dritto, altrimenti le braccia fungono da piedini per mantenerla stabile quando è pronta per ricevere il té. Quella bustina di té che vedete in centro alla composizione è una pallina per l’albero di Natale. Al negozio “It’s always Christmas in The City” le decorazioni natalizie sono vendute per temi e collezioni. Ad una collezione presumibilmente legata all’English Breakfast o a qualche altro aspetto del mondo anglosassone appartiene questa pallina davvero inconsueta e, per me, decisamente fondamentale: il must to have della stagione!

Infine, ho decorato la Christmas Tea Table con la mia teierina di vetro che ho riempito di palline di Natale. L’idea non è mia, devo ammetterlo, ma l’ho copiata alla vetrina de La Via del Té a Firenze, e devo dire che l’effetto è riuscito (ma ditemi anche voi cosa ne pensate).

Con la mia Christmas Tea Table vi faccio i miei migliori auguri di Natale e di Buone Feste! Nel periodo di festa riguardatevi, rilassatevi e coccolatevi, ovviamente, con una calda e avvolgente tazza di té.

Babbo Natale è stato generoso con té?

Natale è passato, le feste si sono concluse così come la pausa che ho fatto dal blog. Mi pare giusto riprendere l’attività in concomitanza con il rientro al lavoro perché, se non c’è nulla da cui staccare, che pausa del té si fa? 😉

Stupidaggini a parte, è giunto il momento di presentarvi i nuovi arrivi natalizi che vanno ad arricchire la mia collezione di té, annessi e connessi. Come ho già detto altre volte, è molto facile regalarmi qualcosa: basta buttarsi sul té, accessori e derivati. Babbo Natale quest’anno è stato generoso… ecco qui cosa mi ha fatto recapitare sotto l’albero:

il mio té

In questa composizione ho raccolto la mia nuova tazza, per amanti dei viaggi, dedicata a Roma: me l’ha regalata un’amica di Roma che ha saputo raccogliere in un semplice oggetto 3 elementi importanti: l’oggetto stesso, la tazza, perché conosce – ed ha provato sulla sua pelle – la mia passione per il té; Roma, città che frequento per studio, dove dunque ci siamo conosciute e dove, mi augura, io possa tornare spesso; Piazza di Spagna, un dettaglio della tazza, dove si trova la Sala da té Babington’s, che lei mi ha fatto scoprire in un pomeriggio autunnale ozioso di pioggia. Appeso alla tazza c’è un bizzarro portabustine molto invernale, a forma di renna: questo me lo sono regalata da sola, per la verità, ma siccome l’ho acquistato il 23 dicembre a Bologna, ha tutto l’aspetto del regalo di Natale! Dentro il bizzarro poggiabustina è già depositata a scolare una bustina a prima vista anonima, ma che è un gradito regalo di Fancyhollow! Se leggete il suo blog sapete di che si tratta: una christmas teabox homemade, mentre alla bustina di té è attaccato un prezioso ciondolo in fimo.

Da Londra mi è arrivata invece una preziosa scatola di té Twinings Special Edition Mulled Spiced Tea, sulla quale però non mi dilungo ora, perché intendo dedicarle più spazio in un post apposito. Qui mi limito a dire, e sicuramente Piumino sarà d’accordo con me, che Stano Breja secondo me non ce l’ha!

Twinings Mulled SPiced Tea - confezione regalo edizione speciale UK

Twinings Mulled SPiced Tea – confezione regalo edizione speciale UK

Infine va detto che anche io ho fatto la mia piccola piccolissima parte, che se volete può diventare una semplicissima idea regalo per un pensierino poco impegnativo. Ingredienti: una bustina da té in mussolina piuttosto grossa (io me le sono procurate da Mariage Frères, ma simili le vendono tutti i negozi di té di un certo livello), un té sfuso (io ho scelto un profumato té alla violetta) e una molletta chiudipacco a tema natalizio (io le ho comprate, ma Fancyhollow qui vi spiega come farvele da sole).

Insomma, il Natale ha portato un sacco di novità nella mia collezione. L’anno nuovo inizia sotto i migliori auspici!

Still life with Christmas Tea

Come ogni anno Natale è passato. Talmente in fretta che non ho avuto modo di farvi gli auguri! Rimedio così, in ritardo, con questo nuovo esperimento della premiata ditta Marina&Lorenzo, una foto di Christmas Tea secondo i principi dello still life, che sfrutta nientemeno che la nostra tavola di Natale: il pranzo è ormai finito da ore, è pomeriggio inoltrato, è l’ora del té! Il té nello specifico si chiama “Panettone” (avrò modo di parlarvene più avanti), e intorno ad esso ruota tutta la composizione.

Questo nuovo esperimento di still life applicata al té è il mio regalo di Natale per voi: auguri!

Still Life with Christmas Tea. Photo by Lorenzo Bagnoli

Still Life with Christmas Tea. Photo by Lorenzo Bagnoli

Buon Natale!

image

Buon Natale a tutti noi amanti del té!
L’acqua é nel bollitore, mentre mi preparo un Té di Natale, un classico e confortante té nero speziato alla cannella, all’arancia e al pepe. E in tv danno “La storia infinita”, un classico adatto alla serata.
Buon Natale a tutti. E a ciascuno il suo té di Natale!