Archive for the ‘curiosité’ Category

Perché non amo il té col limone

Personalmente ho l’incubo fin da quando ero piccina: se al bar chiedo una tazza di tè, immancabilmente mi arriva il bricco di acqua calda, la tazza, la bustina di English Breakfast (anche se sono le 4 di pomeriggio) e lei, una macchia gialla a completare il tutto: la fettina di limone.

limoni

Ora, io personalmente amo il giallo, purché abbia senso la sua presenza: per esempio, in un té al bar, avrebbe senso una tazza gialla, o la tovaglia gialla, o la teiera gialla. Ma non la fetta di limone.

La fetta di limone nel té non ci va.

Invece quante volte ce la propinano? Se siamo fortunati, ci viene proposta su un piattino a parte. Ma molto spesso, ahimè, pensando di far cosa gradita, la fettina viene calata nella tazza. Così, anche se la togli, rimane l’aspro di limone.

teiera da collezione

la mia miniteiera “limone”

Il succo acido del limone condiziona tantissimo il sapore del té. Vero è che soprattutto in passato, quando una sensibilità verso il té era dura a venire, il té era talmente inodore e insapore da rendere necessario un aiuto esterno, cui il limone poteva ben assolvere. Ma oggi non lo si può più tollerare.

Oggi se voglio un té al limone trovo infinite varietà di té in bustina con infinite variazioni sul tema (limone e zenzero, ad esempio, è un blend ormai storicizzato); se non trovo il té al limone certo non mancano nei negozi più forniti i té agrumati, dall’Earl Grey in avanti. Poi ci sono le infinite potenzialità offerte dagli infusi: qui il limone è lecito, anzi: ma per favore, non chiamatemelo té.

Insomma,un conto è un té al limone, un conto è un té col limone: le preposizioni sono importanti! Non voglio bere una roba che sia ottenuta mediante spremitura di spicchio di limone in tazza di tè.

Con lo spicchio di limone si irrora la frittura mista oppure le fragole. Non il té.

E voi invece amate il té col limone? Vediamo se riuscite a convincermi a berlo!

La bustina di té e la raccolta differenziata

Il dilemma: dove butto butto la bustina ti té?

Mi sono trasferita da poco in una nuova città. Nuove abitudini, nuovi vicini, nuove regole per la spazzatura. Eh sì, perché ne vengo da un quartiere in cui la raccolta differenziata era lasciata al buon cuore degli abitanti e arrivo ora invece in un borgo in cui essa è regolata in base a giornate, orari e cassonetti predefiniti. La raccolta differenziata porta a porta non permette deroghe. Rispetto al passato, quindi, sono diventata molto più attenta nella selezione dei miei rifiuti e cerco di differenziare il più possibile. Mi applico piuttosto bene, tuttavia ci sono degli oggetti che mi mettono in difficoltà, e uno di questi è proprio la bustina da té. Dove la butto? Semplicemente nell’indifferenziato? Nell’umido, forse? Nel dubbio mi sono un po’ documentata, e ora racconto a voi cosa ho scoperto.

bustine di té

differenti tipi di bustine di té (e il colino naturefriendly a forma di vaso di fiori)

Non tutte le bustine di té sono uguali…

Innanzitutto non tutte le bustine da té sono uguali: ne esistono infatti, oltre che di varia forma e dimensione, anche di vario materiale. Le più diffuse sono realizzate in canapa naturale o in cellulosa, dunque di per sé compostabili. Un articolo di greenme.it, però, avverte che tali bustine, per poter restare chiuse vengono incollate con polipropilene, un materiale termoplastico che serve proprio a sigillare le bustine e che, a contatto con l’acqua calda rilascia BPA, un interferente endocrino che non fa proprio bene alla salute, soprattutto delle future mamme. Vi ricordate il post di qualche tempo fa sugli ftalati utilizzati per le bustine di té? Ecco, di nuovo tornano a galla.

Le materie termoplastiche non sono compostabili né tantomeno, direi, biodegradabili. Però in linea di massima si fa finta di niente e vengono gettate nell’umido.

pompadour

Winter collection Pompadour: bustine biodegradabili, chiuse con la graffetta

E se invece che chiudere le bustine con polipropilene si usa una bella pinzatrice? Ebbene sì, esistono anche le bustine pinzate, con una bella graffetta di metallo a chiuderle. Non c’è colla, è vero, ma una graffetta di metallo che finisce nell’acqua calda. Al momento dello smaltimento dobbiamo staccare la graffetta dalla bustina, come quando sgraffettiamo un plico di fogli pinzati insieme, e gettarla nell’indifferenziato.

E ancora: bustine in garza di seta, un tessuto biodegradabile che quindi si può tranquillamente gettare nell’umido una volta esaurita la sua funzione. Ad esempio, il marchio Essenza del the vende té in bustine di questo tipo, spiegando la scelta del materiale proprio in virtù della sua biodegradabilità.

Di sicuro, se il té ce lo confezioniamo noi, utilizzando le bustine in cellulosa fai da te come quelle Teefilter che si trovano anche sullo shop online de La via del té, possiamo decidere noi stessi se e come chiuderle: io di solito uso un pezzo di spago da alimenti oppure del filo per cucire. In ogni caso non ho dubbi sulla biodegradibilità del tutto.

Le bustine piramidali in plastica della Lipton

Una soluzione adottata da alcune case produttrici è direttamente la bustina in plastica. Tra queste la Lipton che rassicura circa la non tossicità delle sue bustine a piramide in plastica (plastica che non avrebbe a che fare con gli ftalati di cui sopra), ma ammette che la bustina non sia biodegradabile. E quindi che facciamo? Se siamo riciclo-nazi apriamo la bustina e gettiamo nell’umido il té, mentre buttiamo nell’indifferenziato l’involucro. Sostenibile, però, forse le prime 10 volte.

Fin qui le informazioni che ho reperito da sola, ma poi ho pensato che fosse utile sentire i diretti interessati. Ho scritto pertanto su instagram (ebbene sì) a Pompadour e a Twinings per sapere direttamente dall’azienda se le loro bustine sono biodegradabili o come vanno smaltite.

Pompadour mi ha risposto:

“I nostri filtri sono compostabili, quindi puoi smaltirli nell’umido”.

Va da sé che la graffetta che chiude la bustina e la carta dell’involucro e dell’etichettina vanno gettate separatamente, l’una nell’indifferenziato, l’altra nella carta.

Twinings mi ha risposto

“Per quanto riguarda le bustine classiche Twinings, ti informiamo che il packaging esterno è di carta (va quindi riciclato con la carta), la bustina che contiene il filtro va buttata nell’indifferenziato, mentre il filtro, compreso di cordino e parte in carta, può essere riciclato nell’umido”

premettendomi che

“Twinings è costantemente impegnata nella ricerca di soluzioni migliorative per l’ambiente.”

bustine twinings

bustine twinings

Insomma, la situazione è più intricata di quanto pensassi. Per districarmi, sulla base delle info che ho reperito e che ho raccontato qui sopra, ho realizzato una velocissima infografica: un promemoria per tutti noi, per evitare di trovarci in difficoltà al momento spazzatura.

E voi vi siete mai posti il problema? Come vi regolate con la raccolta differenziata? Parliamone nei commenti oppure sulla pagina facebook de Il mio té (che vi invito a seguire)

Le teiere più buffe della mia collezione

Nel post precedente vi ho mostrato le teiere dal mondo, ovvero le teiere della mia collezione che provengono da varie parti del mondo e che raccontano, attraverso la loro forma e i loro accessori, il rito del té per il quale sono state realizzate.

Questa volta, invece, preparatevi a riempirvi gli occhi di “Oooh!”: vi mostro le teiere più buffe della mia collezione, quelle con le forme più strane, più simpatiche, più geniali, quelle che vedendole penserete “Non pensavo potessero esistere delle teiere così!

Teiera rosa 

Erboristeria Spada

La mia teiera rosa

Certi oggetti colpiscono non tanto per il loro valore, quanto per il fatto che fanno simpatia. A me questa teierina fa simpatia: mi ricorda la zuccheriera burbera del cartone animato La spada nella roccia. Al di là di questo, ha una forma non canonica e l’ansa così spigolosa sembra davvero un gomito poggiato su un fianco. Burbera, ma simpatica, come un nonnino con gli occhi piccini pronto ad agitare i gomiti ma poi, all’atto pratico, estremamente dolce e comprensivo.

Oppure, a guardarla bene, potrebbe essere una signora in palestra che fa aerobica: vedete come agita le braccia? È così dinamica!

Teiera lumaca 

teiere da collezione

La mia teiera lumaca si mangia la bietola!!!

Questa teiera non poteva rimanere sulla bacheca del negozio di artigianato cinese in cui l’ho scovata! In realtà non credo che la sua forma abbia un qualche significato in Cina, però senz’altro si presta ad essere trasformata in teiera: la chiocciola è tonda, la bocca della lumaca diventa la bocca della teiera. Il corpo della lumaca, cioè il collo e la testa, è ruvido, mentre il guscio, molto elaborato, è smaltato e lucido. L’espressione della lumachina sembra stupita: piccoli occhietti tondi e la bocca spalancata, quasi che fosse stupita di tutto ciò che la circonda. Un amore di teiera, senza dubbio la più tenera della mia collezione.

Teiera conchiglia 

teiera-conchiglia

La mia teiera a forma di conchiglia

So che di questa teiera esiste tutto il servizio da té, perché ho ricevuto negli anni varie offerte da parte di gente che mi diceva che possedeva la zuccheriera, una tazza, e altre componenti. Ho sempre rifiutato di vendere (e di acquistare il resto, in effetti) e mi sono tenuta la mia bella conchiglia verde. Pronta ad adagiarsi sui fondali, a servire il té alla Sirenetta, la mia teiera a forma di conchiglia è stata, tra tutte, la prima teiera buffa della mia collezione, e si merita di essere ricordata.

Teiera a forma di castello di Enrico VIII 

Un altro di quegli oggetti che non potevo lasciare sul banchino dello svuotacantine di Firenze in cui l’ho trovata: forma assolutamente fantasiosa, anche molto fumettosa, si inserisce in un filone di teiere da collezione che imitano oggetti di qualunque forma e ambito: case, pianoforti, pompe di benzina, barche, librerie, chi più ne ha più ne metta. Alcune sono molto curate, al dettaglio, altre, come questa teiera a forma di castello di Enrico VIII, sono più infantili nella resa, ma non per questo meno stravaganti.

teiera Re Enrico VIII

La mia teiera Re Enrico VIII. Lato B

Teiera a forma di casa dei folletti (fairy teapot)

Questa teiera mi ricorda tanto la casetta dei folletti, per i suoi colori tenui, la forma tondeggiante, e soprattutto per il fatto che se si guarda bene il tetto, sembra la cappella di un fungo: l’effetto casa dei Puffi è servito. La forma di casa è un filone piuttosto seguito nelle forme delle teiere da collezione, perché il tetto a spiovente solitamente si presta bene a fare da coperchio. La fantasia delle decorazioni poi si spreca e abbiamo case del Nord Europa, case mediterranee, baite di montagna, igloo, a due piani, a un piano solo, ce n’è per tutti i gusti e tutte le dimensioni.

fairy teapot

La mia fairy teapot

Teiera coi gattini

teiere da collezione

La mia teiera coi gattini

L’ultima arrivata nella mia collezione, un bellissimo regalo del quale sono onorata, è la teiera coi gattini: il corpo della teiera è una cassettiera con i gomitoli; i gattini intorno giocano e si arampicano. Questa teiera rientra nel filone delle teiere da collezione che ritraggono mobili o pezzi di arredamento: la teiera a forma di pianoforte, di stufa, di cucinotto, di vasca da bagno. Non nego che il mio sogno sarebbe quello di farmi una casa delle teiere da arredare proprio con questi meravigliosi oggetti che sono vere piccole opere d’arte. Per ora mi accontento della mia cassettiera coi gattini. Poi si vedrà!

La strana storia dei cinesi a Londra (nel II secolo d.C.)

*ATTENZIONE! CONTIENE UN RACCONTO DI FANTASIA!*

Siamo abituati a pensare ai popoli antichi come a compartimenti stagni: i Greci stavano in Grecia, i Romani nell’Impero Romano, i Cinesi in Cina, i Vichinghi in Norvegia e via di seguito. A meno che la storia non ci racconti di guerre di conquista, di invasioni, di esplorazioni geografiche, noi non riusciamo a immaginare che popoli tanto distanti geograficamente possano essere entrati in contatto tra loro. Per questo sulla nostra fantasia fanno presa quelle notizie che ogni tanto ci giungono, che ci dicono che i primi a giungere in America furono i Vichinghi, o che in una regione sperduta della Cina vi si stabilì un manipolo di Romani (cosa, questa, che ha ispirato il romanzo “L’Aquila e il Dragone” di Valerio Massimo Manfredi”). 

Mercanti cinesi lungo la via della Seta

Mercanti cinesi lungo la via della Seta

Sappiamo, ad esempio, che i Romani conoscevano le spezie orientali provenienti dall’India perché portate, di mano in mano, dal centro dell’Asia sino alle coste del Mediterraneo tramite la via della Seta, per mezzo di una serie di passaggi di mano che dalla Cina arrivavano a Petra e da qui a Roma.

Spesso queste storie sono più leggende che altro. Ma poi succede che gli archeologici a Londra, a Southwark, scavino una necropoli romana di II-IV secolo d.C. e, analizzando gli scheletri degli inumati, scoprano che due di essi appartennero a persone di etnia cinese!

La notizia, recente, ha fatto il giro del mondo. Ne ha parlato perfino Alberto Angela nella sua trasmissione “Ulisse” (ormai uno dei pochissimi baluardi della comunicazione culturale nella tv italiana), ed è sensazionale, perché ci dice in una botta sola che anche nel II-IV secolo d.C. Romani (volendo chiamare così gli abitanti della Britannia, che era una terra di confine dell’Impero) e Cinesi potevano venire a contatto anche se, certo, non doveva trattarsi di contatti consueti, ma piuttosto eccezionali. Comunque sia, i due Cinesi di Londinium morirono e furono seppelliti come tutti gli altri abitanti della città loro contemporanei.

L’ipotesi più probabile è che fossero mercanti.

E se fossero stati mercanti di té?

Esatto. Tutta questa introduzione per dirvi questa suggestione che mi è passata per la testa. Gli Inglesi scoprirono il té in Cina solo nel XVII secolo, ai tempi dei commerci su grandi distanze via oceano che dopo la scoperta dell’America divennero fondamentali per le potenze europee, e per un certo tempo lo importarono esclusivamente dalla Cina, che aveva così il monopolio mondiale della produzione.

Ma questa notizia, dei due mercanti Cinesi a Londinium già in età romana, mi ha fatto viaggiare parecchio con la fantasia: e se gli Inglesi, anzi i Britanni romanizzati dell’epoca avessero già conosciuto il té cinese?

Non si ha notizia precisa dell’epoca in cui per i Cinesi il té divenne bevanda fondamentale. I primi documenti scritti in cui sicuramente se ne parla risalgono al III secolo d.C., quindi più o meno alla stessa epoca in cui i nostri due Cinesi si trovavano a Londinium. Ma la scoperta archeologica di foglie di té nella tomba dell’imperatore cinese Jing Di che regnò intorno al 150 a.C. retrodata l’inizio dell’utilizzo del té in Cina. Mi piace pensare, allora, che i Cinesi del II-IV secolo d.C. conoscessero il té, lo bevessero e, perché no, portassero con sé scorte di foglie per poter compiere in ogni luogo il loro rito. Ed ecco così che la fantasia galoppa.

E se il nostro governatore avesse bevuto il té da una tazza del genere (copia di un originale di età romana di II secolo d.C.)?

E se il nostro governatore avesse bevuto il té da una tazza del genere (copia di un originale di età romana di II secolo d.C.)?

Di luogo in luogo, i due mercanti cinesi giunsero in Britannia, agli estremi confini dell’Impero Romano. Qui furono ricevuti dal governatore di Londinium, che rese loro grandi onori e offrì un banchetto nel triclinio della sua bella domus. I due mercanti in dono per l’ospitalità proposero un panetto pressato di foglie di té, preziose lacrime di drago. Gli schiavi in cucina scaldarono l’acqua, misero in infusione le foglie sotto indicazione dei mercanti, e un profumo nuovo, mai sentito, si sprigionò nella sala. Furono prese le coppe migliori, finemente decorate con i miti dei romani, con leoni che assaltano cervi, con palmette, con Ercole e la sua clava, e vi versarono la bevanda. Era un po’ amaro il contenuto, troppo amaro per il palato dei nobili commensali romani. Non so se furono i due mercanti cinesi a proporlo, o fu il capocuoco, ma per smorzare l’amaro fu versata in ogni tazza una goccia di latte, che intorbidì il té, rendendolo una nuvola liquida.

Erano le cinque del pomeriggio. Era nata l’hora teae, il teatime. Insieme al té il capocuoco ebbe cura di far servire dolci al miele e focaccine di farro, piccoli stuzzichini che avrebbero reso ancora più piacevole il pomeriggio. Il governatore di Londinium apprezzò la bevanda, volle che anche la moglie, che pur non aveva preso parte al banchetto, ne assaggiasse una coppa. E la moglie se ne innamorò perdutamente. Ai due ospiti furono resi ulteriori grandi onori, ed essi si impegnarono a far arrivare altro té, poiché la pianta era sconosciuta in Britannia e in tutto l’Impero.

Di lì a poco il governatore dovette partire per sedare una rivolta di Sassoni che premevano ai confini, sul Vallo di Adriano. La moglie, rimasta padrona della casa, pensò bene che, per passare il tempo, avrebbe potuto invitare le sue amiche per un té. L’hora teae divenne per un certo tempo una vera moda a Londinium, le importazioni dalla Cina erano fiorenti, le matronae costituivano veri e propri circoli di sole donne durante i quali si spettegolava di imperatrici, acconciature e nuovi tessuti arrivati all’approdo sul Tamigi. I due mercanti cinesi furono accolti come veri cittadini romani. Alla loro morte, anni dopo, furono seppelliti in una necropoli romana, in mezzo a tanti uomini e donne di origine britannica.

L'hora teae, momento conviviale tra donne avrebbe potuto svolgersi in questo modo. Questo è un dipinto dell'inglese Lawrence Alma-Tadema

L’hora teae, momento conviviale tra donne avrebbe potuto svolgersi in questo modo. Questo è un dipinto dell’inglese Lawrence Alma-Tadema

Il tempo passò, e portò via con sé i giorni di pace e di stabilità politica. Cadde l’Impero romano d’Occidente, ne caddero le istituzioni, la Britannia divenne una terra di nessuno. Londinium stessa decadde. Seguirono tempi bui, in cui alla storia si sostituì la leggenda. Le importazioni di té dalla Cina, inutile dirlo, tramontarono per sempre, e nessuno poté più praticare l’hora teae. In breve se ne perse il ricordo.

Ma la Storia, si sa, sa offrire una seconda possibilità. E così secoli dopo, quando l’Inghilterra era ormai una potenza europea in grado di solcare con le sue navi i mari del mondo, avvenne nuovamente l’incontro. Questa volta in Cina, un mercante inglese bevve una tazza di té. Il resto è storia.

Le teiere di Tangeri e il mistero del marchio “Manchester”

Questo è il secondo post che dedico alla mia visita a Tangeri. Ci sono stata un solo giorno, eppure è stata davvero ricca di suggestioni per me. Il perché lo potete facilmente immaginare: per una come me, curiosa bevitrice seriale di té, il Marocco non può che essere una grandissima fonte di ispirazione e un luogo da studiare. E così se nel primo post ho parlato del té alla menta di Tangeri, in questo secondo post vi parlo delle teiere che si trovano a vendere in quantità industriali nei mercati e nei negozi della città.

Un'esposizione di teiere marocchine in uno dei mercati di Tangeri

Un’esposizione di teiere marocchine in uno dei mercati di Tangeri

Innanzitutto una premessa: a Tangeri vi sono mercati per i tangerini e negozi per i turisti. Anche se di turisti “a piede libero” cioè da soli, non in gruppi organizzati, ce n’è pochi, tuttavia i negozi ci sono, e sono quelli che fanno, ovviamente, i prezzi più alti, o che proprio provano a fregare (come il tipo che inizialmente mi stava per vendere un pacchetto di té a 50 centesimi di €, ma che poi per 3 pacchetti di euro ne voleva 45).

Teiere dorate in vendita in uno dei mercati di Tangeri

Teiere dorate in uno dei mercati di Tangeri

Il posto migliore dove fare affari è invece un mercato che si trova tra Avenue d’Angleterre e Rue San Francisco, alle spalle della moschea che affaccia su Place du 9 Avril 1947. Qui trovate il miglior artigianato, piatti, ciotole, tajine, bicchieri in terracotta dipinta, e poi ancora bicchieri di vetro e teiere.

Qui in effetti abbiamo trovato un’autentica teiera per il té marocchino: pesante, in metallo, che sicuramente era già stata usata in passato. Niente marchio di fabbrica sul fondo, peccato. La vendeva un tale che aveva un banco di oggetti vari in ferro e metalli: una sorta di antiquario del posto, se così lo si può definire. E in esposizione aveva una serie di teiere da incanto, anche dorate: veniva voglia di strofinarle come se fossero state tante lampade di Aladino.

Il mio té alla menta a Tangeri

Il mio té alla menta a Tangeri e un’autentica teiera marocchina

Anche i negozi di Tangeri vendono le teiere per il té marocchino (che non necessariamente è alla menta, ma può essere anche alla shiba, come ho raccontato qui), ma si vede subito che non si tratta di merce di qualità, ma di produzione industriale fatta apposta per il turismo. La cosa che mi ha incuriosito è stata la marca, apposta sul fondo di tutte queste teiere: Manchester. Non una scritta in arabo, come pensavo, ma il nome della città inglese. Ma pensa un po’, mi son detta, possibile che questi si facciano arrivare dalla Gran Bretagna le teiere marocchine? Possibile?

Teiere marchiate Manchester

Teiere marchiate Manchester

Così, una volta a casa ho fatto qualche ricerca, e ho scoperto una storia incredibile del tutto casualmente su un blog: pare che intorno al 1770 un certo Richard Wright, di Manchester, abbia cominciato a produrre ed esportare teiere in argento e silver plate in Marocco. Pare che producesse non solo teiere, ma altri oggetti legati al consumo del té come zuccheriere e tea-caddy. Il marchio impresso sugli oggetti di sua produzione era una scritta in arabo e in inglese, “Richard Wright Manchester“. La cosa buffa, però, è che di questo personaggio nessuno a Manchester sa nulla, non si sa se sia realmente esistito o se fosse uno pseudonimo di qualche produttore ebreo o direttamente marocchino impegnato nel commercio di té dall’Inghilterra. Sul mercato gli oggetti marchiati Richard Wright si trovano almeno fino al 1850. Dopodiché, complice il successo del marchio, divenuto un vero e proprio brand, in Marocco compaiono delle produzioni locali a imitazione dell’originale. E oggi, evidentemente, il ricordo di questa produzione è rimasto nel marchio Manchester di tutte le piccole teiere che vengono vendute a Tangeri e, immagino, anche nel resto del Marocco.

Ecco, dunque, spiegato perché le teiere di Tangeri sono marchiate Manchester! Mai avrei immaginato una soluzione del genere, e soprattutto mai avrei immaginato un’altra cosa incredibile: la cosa più interessante di tutte, infatti, è che da quello che ho capito, è questo Wright che avrebbe “inventato” la teiera marocchina col coperchio a punta. Ma questo è un aspetto che voglio approfondire. Poi, da brava archeologa, una volta che avrò messo insieme tutti i dati vi racconterò cosa ho scoperto. Nel frattempo terrò gli occhi ben aperti: che se nei prossimi mercati dell’antiquariato in cui girerò mi imbatterò in una teiera di Richard Wright, non me la lascerò sfuggire!

Quant’è fotogenico il matcha!

credits: @matchabay

credits: @matchabay

Sarà il suo colore verde acceso, sarà il fatto che è in polvere, sarà la sua grande versatilità in cucina oltre alla grande suggestione che ispira la cerimonia del té giapponese, di cui è protagonista, fatto sta che il té matcha è una vera star di instagram.
Sono numerosi i profili instagram dedicati al matcha. Scorrere le loro gallerie è un tripudio di verde, di eleganti composizioni fotografiche cui si intervallano foto evocative della cerimonia del té. Il colore predominante è il verde, che in tanti casi viene esaltato dall’utilizzo di un qualche filtro hdr, o da una sapiente modulazione della saturazione. Quale che sia la scelta dell’autore dello scatto, sia esso un teablogger, un rivenditore di té, un food-ografo (non ci credo, l’ho scritto davvero!) o un appassionato, seguire i profili dedicati al matcha vivacizza la propria timeline, spiega un sacco di curiosità e soprattutto suggerisce tante idee in cucina. Il matcha è molto versatile, questo si sa, ma scommetto che nessuno di voi aveva mai pensato di usarlo, ad esempio, per il mojito!

credits: @matchabay

credits: @matchabay

Vi accompagno a fare un giro sui profili instagram che raccontano per immagini il té matcha. Ditemi poi cosa ne pensate. A me tutto questo verde mette tanta allegria! E attraverso le foto percepisco il profumo, così caratteristico, della polvere: dolciastra a sentirla, mentre il té, quand’è preparato secondo il metodo tradizionale (un cucchiaino raso in una tazza non troppo piena d’acqua, girato velocemente col frullino) è amaro e molto forte.

@Tea_mill

@matchadesserts

@matcha_latte_art

@matchabay

@matchaeologist

credits: @tea_mill

credits: @tea_mill

Io personalmente amo il matcha, proprio per la sua diversità rispetto agli altri té, ma soprattutto per la sua storia: la cerimonia del té giapponese, il chanoyu, è una delle tradizioni più autentiche del Giappone: generazioni di maestri del té la insegnano e la praticano, con una gestualità, una ritualità che è rimasta invariata da millenni e che non può lasciare indifferenti gli Occidentali che la approcciano. Io stessa ho impressa nella mente in maniera indelebile la cerimonia del té così come l’ho imparata: mi sembrava di essere messa a parte di pensieri e gesti ignoti ai più e dei quali mi sfuggiva in parte l’essenza. Allora, anche prepararmi il matcha nell’intimità della mia casa non è più un fattore di “moda” o di curiosità, ma di consapevolezza e rispetto di ciò che sto facendo.

Tolta questa parentesi cultural/sentimentale, restano gli infiniti usi cui il matcha si presta: anche solo a guardare le foto, vedete bene che gelati, biscotti, torte e cappuccini verdi sono una gioia per gli occhi e, sono sicura, anche per il palato. Se non avete mai provato il matcha fuori dalla tazza, ecco l’idea per voi: madeleines al matcha, direttamente dal nuovo blog di Panelibrienuvole. Provateli, mi ringrazierete.

Sydney Tea Festival. Il té dall’altra parte del mondo

Il 21 agosto 2016 si apre il Sydney Tea Festival. Un evento che esiste dal 2014 e che quest’anno è arrivato anche a Melbourne, segno che il té, che in Australia è giunto insieme ai primi coloni inglesi, è sempre più parte della vita attiva australiana.

Mi direte: “Beh, c’è tempo! Perché parlarne con tutto questo anticipo?” Avete ragione. O forse no. Ne parlo ora, perché ora ne sento l’esigenza. Perché se sento parlare di Sydney ritorno con la mente in Australia, per esempio. E il ricordo è tanto vivido che sarebbe un peccato lasciarlo sfumare.

welcome to Sydney Tea Festival

Welcome to Sydney Tea Festival

Quando ho letto della notizia del Sydney Festival Tea, la mia mente si è riempita di pensieri contrastanti. Da un lato, la prima cosa che ho pensato è stata: “Che idea bislacca fare il festival del té in agosto. Oh che è, la festa del té freddo?“. Poi ci ho pensato bene: in Australia agosto è inverno pieno, è la stagione in cui il té va bevuto per scaldarsi, un po’ come faccio io a dicembre/gennaio (e febbraio/marzo/aprile/ecc.).

Quindi è sopravvenuta un’altra considerazione. Che in realtà è stata la prima. Perché io nella mia vita finora ho visto solo una piantagione di té degna di questo nome (se si eccettua quella in Italia a Sant’Andrea in Compito), e l’ho trovata proprio in Australia, durante un’escursione nel Daintree National Park, foresta pluviale meravigliosa e intricata, abitata da quel buffo e pericoloso animale che è il casuario, e in mezzo alla quale, ad un certo punto, quasi inaspettatamente, si apre una radura coltivata interamente a té. Dico quasi perché se del viaggio in Australia non avevo studiato pressoché nulla, quella volta lì per qualche fortuito caso avevo scoperto che avremmo attraversato una piantagione di té, il Daintree Tea. E durante il viaggio ero stata in perenne apprensione, perché per nessuna ragione al mondo l’avrei persa. Così, quando la vidi comparire dietro una curva, senza esitare chiesi alla guida di fermare il pulmino e scesi, e sotto la pioggia tropicale scattai due o tre foto venute malissimo ma che mi sono rimaste nel cuore come il ricordo più prezioso.

daintree tea

La piantagione di té nel Daintree National Park

Data questa premessa, capite bene che se sento parlare di un festival del té in Australia non posso restare insensibile.

Il festival di Sydney ha una sezione market e una workshop. Meglio, una grande sezione market, a giudicare dalle foto, e una parte riservata ai workshop. Io so solo che sarei in paradiso, che spenderei i miei pochi averi, che tornerei a casa con tanto té in più che non saprei dove mettere e quando bere, ma sarei felice. E poi parteciperei ai workshop: la cerimonia del té giapponese l’ho già imparata in Italia, ma sarebbe sempre un piacevole ripasso; e poi potrei imparare a ricreare a casa il blend del chai, sul quale tra l’altro mi sto concentrando ultimamente: il chai è un particolarissimo mix indiano di spezie e té nero, ammansito da quel tocco di latte che appiana le asperità date dal contrasto troppo forte del cardamomo a contatto con le foglie essiccate in infusione. Ritrovarlo in Italia, fatto come dio comanda, è difficilissimo (lo fanno, buono, ma zuccherato, da Mago Merlino Tea House a Firenze), figurarsi riprodurlo in casa. Un workshop di questo tipo lo seguirei subito, senza pormi troppi problemi, magari anche prendendo ferie, tiè.

Chai in vendita al Sydney Tea Festival

Chai in vendita al Sydney Tea Festival

Mi piace l’idea del Tea Festival. Mi sembra una manifestazione fatta apposta per avvicinare il grande pubblico ad una bevanda che forse nella giovane e mescolatissima Australia è avvertita come vecchia, o senza una propria identità, e che va riscoperta. Pensate soltanto che in Australia nei decenni passati l’immigrazione dall’estremo Oriente, con tutto il suo bagaglio culturale che include tra le altre cose anche il té, ha lasciato un forte segno. Non c’è angolo di strada senza che ci si imbatta in un bubble tea, invenzione (buonissima) taiwanese, mentre ogni etnia, giapponese e cinese in primis, ha il proprio modo di preparare e bere il té. In questo panorama così vasto e frastagliato, un festival del té può essere il modo per unire e differenziare, per far conoscere e apprezzare l’altro, un luogo di unione e di confronto, di incontro e di sorrisi, mentre si sorseggia, provando qualcosa di nuovo, abbandonando per una volta le proprie tradizioni e le proprie origini, una tazza di té.