Tè cinese: 3 tipi che dovresti conoscere

tè cinese

Una mia collega che studia lingua cinese mi ha recentemente regalato dei pacchetti di tè provenienti direttamente dalla Cina. Per me è stato un regalo graditissimo! In quanto tale non potevo non condividerlo con voi. Io bevo e voi leggete 😉

I tre tè, neanche a farlo apposta, rispecchiano le tre categorie tradizionali di tè: nero, verde e bianco. Ciascuno a suo modo, però, è speciale.

Il tè nero infatti, è in realtà un Black Dragon Pearl, cioè una perla di foglie di tè nero; il tè verde è in realtà un Jasmine Dragon Pearls, dove le perle di tè verde al gelsomino sono della dimensione di piccole bacche, ma capaci di sprigionare un profumo da campioni; il tè bianco è l’eccellente Pai Mu Tan – White Peony. Li analizzo e li assaggio ora insieme a voi.

Perle di tè nero – Black Dragon Pearls

Questo tè nero è prodotto nella regione cinese di Fengqing, in particolare nello Yunnan, area geografica vocata alla produzione di tè. Il Black Dragon Pearl è, come dice il nome, un tè nero le cui foglie vengono arrotolate artigianalmente a formare delle sfere. Al contatto con l’acqua calda la sfera si apre, le foglie pian piano si srotolano e si aprono. Il concetto è lo stesso del fiore di tè, con la differenza che in questo caso il fiore non c’è, ci sono solo le foglie.

Black Dragon Pearls

Una stessa sfera di tè, una volta apertasi con la prima infusione, può essere riutilizzata per altre successive infusioni: il sapore ha un che di dolciastro, che si evidenzia man mano che si fanno più infusioni; l’aroma è floreale e pulito e per me è stato un accompagnamento piacevole nei miei rientri tardopomeridiani dopo il lavoro.

Black Dragon Pearl dopo l’infusione

Come preparare il Black Dragon Pearl

Per preparare il Black Dragon Pearl Tea occorre una sfera di tè, acqua portata a 95° e tempo di infusione di 5 minuti, per dare modo alla sfera di tè di dischiudersi. Si possono poi trarre successive infusioni a partire dalla sfera dischiusa. Essendo un tè nero, il contenuto di teina è elevato.

Perle di tè verde al gelsomino – Jasmine Dragon Pearls

Le perle di tè verde al gelsomino sono decisamente più piccole delle Black Dragon Pearls che abbiamo visto poco fa.

Le Jasmine Dragon Pearls sono piccolissime biglie di foglie di tè verde profumate con fiori di gelsomino della regione cinese del Fujian. Le piante di gelsomino sono coltivate ad alta quota, nella parte nordorientale della regione. I fiori di gelsomino sono mescolati alle foglie di tè durante il processo di appassimento. Vengono sostituite ogni tot di tempo per permettere un’osmosi efficace tra il profumo del gelsomino e quello delle foglie di tè. Le foglie di tè quindi assumono il profumo dei fiori di gelsomino dando vita ad un bouquet unico.

Jasmine Dragon Pearls

In acqua le piccole perle di tè verde al gelsomino si schiudono rilasciando tutto l’aroma e il profumo del gelsomino. Una bevanda fresca e dissetante, davvero benefica. Il gelsomino infatti favorisce la calma e riduce lo stress. Queste sue qualità sono note da secoli in Cina: non solo buono, ma anche efficace.

Per saperne di più:

In attesa della primavera: voglia di tè al gelsomino

Il Jasmine Dragon Tea prodotto a Napa Valley

Profumo di gelsomino nell’aria

Come preparare il Jasmine Dragon Pearls Tea

Per 500 ml di teiera occorrono 3 grammi di piccole sfere di Jasmine Dragon pearls Tea. L’acqua deve essere portata a 90° e il tempo di infusione è di 3-4 minuti. Essendo un tè verde, la teina è a lento rilascio, tuttavia è presente.

Tè bianco Pai Mu Tan – White Peony

Il più noto dei tè bianchi si chiama Peonia Bianca, White Peony, ed è ottenuto dalle gemme apicali che ancora devono dischiudersi, coperte di una pelurietta argentea e dalle prime foglie verdi della pianta di camellia sinensis. Esse vengono sottoposte ad appassimento ed essiccazione subito dopo la raccolta, rigorosamente a mano. La provincia cinese di produzione è il Fujian, in particolare nell’area di Jianyang e di Fuding. Si parla di Pai Mu Tan per la prima volta nel 1922, quando esso viene esportato verso Hong Kong, Macao e l’Asia meridionale. Fuding continua ad essere l’area maggiormente vocata alla produzione di tè bianco Pai Mu Tan; tuttavia nel mondo vi sono altre aree che stanno provando a produrre tè bianco Pai Mu Tan solo per finalità economiche. Così diventa difficile trovare sul mercato tè bianco di qualità.

Tè bianco Pai Mu Tan

Il Pai Mu Tan, tra l’altro, non è un tè bianco puro: il re dei tè bianchi è il Silvery Pekoe Yin Zhen – ago d’argento – prodotto a partire soltanto dalla gemma apicale che ancora si deve dischiudere.

Per saperne di più:

Una tazza di tè bianco

Tè bianchi di un certo livello: Silvery Pekoe Yin Zhen e Moonlight White

Un consiglio: troverete in vendita – in bustina – tè bianco aromatizzato a varie cose (l’ultimo di cui ho sentito parlare è tè bianco, mango e menta, non so di quale marca): per carità, diffidate! Saranno sicuramente buonissimi al gusto, ma il tè bianco vero non l’hanno mai visto. Il tè bianco è delicatissimo, se viene aromatizzato con qualunque cosa semplicemente scompare.

Come preparare il tè bianco Pai Mu Tan

Due grammi di tè per tazza, con temperatura dell’acqua portata a 70° e infusione di 3-4 minuti. Il contenuto di teina è basso, in bocca risulta fresco, floreale ed erbaceo. Molto delicato. Il colore del liquore è giallo chiaro.

3 Comments

  1. Ora capisco il perchè chiedevi del Butterfly Pea Flower Tea…è una meraviglia qui! Viene subito voglia di una tazza di the e quattro chiacchiere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.