Oriental Beauty. Il tè semifermentato made in Taiwan

oriental beauty

Sabato pomeriggio mi sono concessa una coccola a La Via del Tè a Firenze. Davanti alla corposa lista dei tè mi sono fatta incuriosire da un tè semifermentato made in Taiwan: Oriental Beauty è il suo nome, ed è tutto un programma.

Sarebbe bello cominciare questo post con una frase tipo “narra la leggenda che…“. In realtà non c’è nessuna leggenda alla base della produzione di questo tè. La sua produzione è infatti relativamente recente. Ciò che però lo avvicina alla leggenda è la circostanza della sua creazione.

Come nasce il tè Oriental Beauty

Alla base della coltivazione di tè a Taiwan sta un gruppo di contadini cinesi che, trasferitisi a Taiwan, hanno portato con sé le proprie cognizioni e competenze in materia di coltivazione, raccolta e lavorazione del tè.

Succede che un gruppo di produttori inizia a coltivare il tè in una regione specifica. Giunti al momento di raccogliere le foglie, i coltivatori si accorgono che le foglie sono state attaccate e dunque rovinate, almeno esteticamente, da un parassita, o meglio da una locusta anch’essa evidentemente gran consumatrice di tè. La foglia, pronta per il raccolto, in realtà è rovinata, perché il parassita lascia una ferita sulla foglia tale da avviarne già l’ossidazione.

Tutto è perduto?

Dalla disgrazia un’opportunità: il tè Oriental Beauty conquista il mercato

Tutto è perduto dunque?

Giammai! L’assalto del parassita diventa il vero punto di forza di questo tè, perché le foglie reagiscono all’insetto succhiatore della linfa foliare producendo sostanze chimiche che portano conseguenze al profumo e al sapore del tè in tazza, conferendo una certa dolcezza al liquore. La raccolta delle foglie, anzi, viene condotta in estate, a giugno, quando il parassita in questione è attivo. Le foglie raccolte subiscono poi il normale processo di avvizzimento e di scuotimento, fino a raggiungere un’ossidazione del 60-70%. Oriental Beauty è infatti un tè Oolong, ovvero semifermentato.

Il successo di questo tè è garantito: non solo, è la Regina Vittoria, pare, a conferirgli il nome di Oriental Beauty, riferendosi sia al bel colore ambrato del liquore che alla colorazione delle foglie prima dell’infusione, che, infine, al trionfo di profumi e sensazioni che questo tè sviluppa venendo a contatto con le papille gustative di chi lo degusta.

Sul mercato, l’Oriental Beauty, chiamato anche Dong Fang Mei Ren, ha un prezzo decisamente più alto rispetto ad altre tipologie di tè e di tè Oolong nello specifico. Ciò che era visto come difetto è diventato il suo punto di forza. E questo aspetto non è da tutti.

Una tazza di Oriental Beauty a La via del tè – Firenze

Il tè Oriental Beauty è semifermentato, ovvero è un tè Oolong: questa la parola cinese con la quale è conosciuta questa tipologia di tè nei quali l’ossidazione delle foglie non viene portata a termine.

Per approfondire: Il tè Oolong

Come degustare il tè Oriental Beauty

Prendo a prestito le parole del “Manuale del Sommelier del tè” di Victoria Bisogno e Jane Pettigrew e vi dico che la temperatura dell’acqua dev’essere tra gli 80 e i 90° C e che il tempo di infusione varia dai 3 ai 4 minuti.

Le foglie da secche si presentano non arrotolate, di colore che varia dal verde al marrone all’aranciato-dorato e con le gemme bianche. In infuso esse sono molto aromatiche, si distingue dapprima la frutta secca, sfumature di miele e di tostato, si può arrivare a sentire la pesca bianca (ma bisogna avere palato sopraffino, eh!). Il liquore è aromatico, di colore ramato, trasparente. Il sapore è leggermente tostato, con sentori di frutta dolce e caramellata.

Come dicevo, è un tè piuttosto ricercato e costoso. Se lo trovate in vendita a prezzi bassi state certi che o non è Oriental Beauty: potrebbe essere un oolong made in Taiwan qualsiasi.

Il mio tè Oriental Beauty. Ti è piaciuto questo post? Salva il pin nella tua bacheca su pinterest!

3 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.