#iorestoacasa e bevo il té: una settimana con il mio té

una settimana con il mio té

Una settimana con il mio tè. Un tè per ogni momento della giornata

Quali tè bere nel corso della giornata durante la reclusione forzata in casa.

tea at home during quarantine
tea at home during quarantine

Siamo a casa, forzatamente. Vietato uscire, se non per necessità inderogabili, imprescindibili e indifferibili. Si lavora da casa, se la tipologia di lavoro lo consente. Io personalmente all’inizio della quarantena pensavo che avrei avuto molto tempo libero a disposizione. Tempo libero magari per leggere un buon libro, per studiare, per sistemare casa. Invece mi ritrovo a lavorare più di prima, perché non esiste – o almeno io non riesco a scindere – uno stacco netto tra il momento del lavoro – che fino a un mese fa iniziava e finiva in ufficio – e il momento del ritorno a casa. Difficile abituarsi alla nuova situazione. Io sono da sola, e patisco meno, ma chi deve svolgere smartworking da casa e nel frattempo mandare avanti una famiglia e dei figli, o semplicemente fare la sua parte in una convivenza ha sicuramente qualche difficoltà in più a concentrarsi e a unire insieme il lavoro da casa con il resto della vita familiare.

L’unica regolarità che ho trovato è nel té.

Distinguo la giornata in alcuni momenti che scandiscono lo scorrere delle ore e insieme mi danno conforto e mi ricordano che sono comunque a casa e che a nulla vale affannarsi.

Qui ti fornisco l’elenco dei té e infusi che ritmano la mia giornata. Li scelgo e li abbino sulla base dell’apporto di teina di cui ho bisogno, oppure di ciò che più mi aggrada. Ho preparato una scheda di una settimana tipo che ti voglio proporre. Al mattino, a pranzo, nel pomeriggio e dopocena: 4 momenti della giornata in cui poter bere infusi e tisane.

Una settimana con il mio té: la scheda

una settimana con il mio té
La mia scheda per una settimana con il mio té

Ho distinto la settimana lavorativa, quindi i 5 giorni lavorativi dal lunedì al venerdì: sono quelli in cui faremmo orario di ufficio e in genere quelli in cui più abbiamo bisogno di regolarità e di ricordarci di bere regolarmente. La quarantena ha cambiato le regole della nostra quotidianità. Sta a noi recuperarla, partendo anche da queste piccole cose.

Ho distinto 4 momenti della giornata: il mattino, il momento del pranzo, in cui il té può accompagnare degnamente il pasto, il pomeriggio – ovvero il té delle cinque – e il dopocena, momento perfetto per una tisana dopopasto corroborante, digestiva e ricostituente.

Té nero al mattino

Nella mia giornata, il mattino ha il té nero in tazza.

Il té nero ha un alto contenuto di teina – l’equivalente della caffeina – e bere una tazza di té nero equivale all’incirca al quantitativo di caffeina di una tazzina di caffè espresso.

Per iniziare la settimana – il lunedì è sempre il momento più difficile – ho assegnato un English Breakfast Tea. Il perché è già nel nome: breakfast. Una miscela di té neri che fa emergere tutto il carattere forte e corroborante di questa bevanda. In UK viene anche allungato col latte, per renderlo meno strong almeno al palato. L’ideale per iniziare con slancio la settimana. Forza, con una tazza di English Breakfast fumante in mano potete accendere senza indugi il pc!

english breakfast
english breakfast

Al martedì mattina ho assegnato il mio preferito, il Darjeeling: un té nero indiano, profumato, lo champagne dei té, come viene definito. Rispetto all’English Breakfast, che è un blend di té, il Darjeeling è un té in foglia in purezza: purezza che gli deriva dai giardini del té delle montagne umide e verdi della regione indiana da cui questo té prende il nome. Il profumo è straordinario e porta sulle nuvole e su quelle montagne incontaminate alle pendici dell’Himalaya. Bene, dopo un bel respiro che apre il torace, potete aprire il pc.

Mercoledì mattina, a metà settimana, già intravvediamo la fine della settimana lavorativa. Ecco che un Earl Grey Tea ci fa buon gioco: il suo profumo pungente e aromatico ci dà quella concretezza di cui abbiamo bisogno. Perché se su qualche telefonata o qualche email abbiamo tergiversato lunedì o martedì, mercoledì non possiamo più rimandare. Orsù, buttiamo giù una sorsata di té nero aromatizzato al bergamotto, il più antico dei té aromatizzati, e accendiamo il pc!

Té cardamomo
Tè nero al cardamomo

Giovedì non è ancora venerdì, ma ormai smaniamo perché vorremmo il weekend. Un té nero al cardamomo ci dà oltre che la carica della teina contenuta nel té nero, anche le proprietà del cardamomo; ad esempio tiene lontano il raffreddore: non che sia la nostra preoccupazione prevalente in questo periodo, però ecco, se ce lo risparmiamo il raffreddore è meglio! Potete bere il té al cardamomo anche nel pomeriggio, oppure in infuso dopocena, dato che ha proprietà digestive. Io però, per via del suo aroma molto forte, lo prediligo al mattino. Ho bisogno di qualcosa di forte per prendere coscienza di chi sono e per accendere il pc.

Il venerdì intravvedo la luce in fondo al tunnel! Un tè nero in purezza di Ceylon, l’isola che vorrei tanto visitare, da anni e anni, mi proietta verso sogni di viaggi verso il weekend! Le piantagioni di tè del popolo del sorriso e dei colori mi dicono che tutto è più facile. Il tè nero di Ceylon, con la sua carica di teina mi dà la spinta per accendere anche oggi il pc.

Bere tè a pranzo

L’ora di pranzo arriva in un lampo! Almeno a me sembra così! Mi sembra passato pochissimo tempo da che mi sono seduta al tavolo/scrivania e ora è già il momento di preparare il pranzo!

Lunedì ho ancora bisogno di energie, ma non troppe. Per cui accompagno il pranzo, qualunque esso sia, con un Oolong. Un tè semifermentato che disseta e corrobora. Tra i benefici dell’Oolong c’è, non ultimo, quello di mantenere la concentrazione. Fondamentale, per affrontare il pomeriggio di smartworking.

Martedì è il Gen-maicha il protagonista. Un tè molto particolare e per questo ben adatto al pranzo: un té verde giapponese arricchito con chicchi di riso tostati. Il risultato è un té dal sapore tostato, che ben accompagna qualsiasi pietanza vi siate preparati per pranzo, dal petto di pollo all’insalata di riso o di pomodoro. è perfetto per i piatti freddi, si sposa benissimo. Ottima scelta, per questo martedì a pranzo!

Mercoledì ci teniamo sul classico. Scegliamo un té verde giapponese puro, il sencha, un tè molto ricco di clorofilla e che ben si sposa con piatti leggeri, magari con un filetto di platessa, che il pesce fa bene e lo so che ne mangiate sempre troppo poco! Il tè verde contiene anch’esso teina, ma differentemente dal tè nero, non lo rilascia subito, ma pian piano, in modo da accompagnarci tranquillamente nel pomeriggio di smartworking.

Per giovedì si cambia genere: tè alla menta signori! Una bevanda che si può bere sia fredda che calda e che non stona con qualsiasi cosa decidiate di preparare. Se poi preparate un cous cous state a cavallo! La menta, poi, favorisce la digestione. Quindi state tranquilli che nessun rischio di appesantimento graverà sul vostro pomeriggio di lavoro da casa.

lapsang souchong
Lapsang Souchong Palais des Thès

Venerdì chiudiamo i pranzi della settimana di lavoro con un lapsang souchong, ovvero con un tè cinese affumicato. Il profumo è molto forte, ma si sposa benissimo con qualunque piatto. Se poi decidete di usare il tè al posto del brodo per cucinare pietanze, come ad esempio il pollo, allora il risultato è assicurato.

Il tè del pomeriggio

Non so in quante ore consiste il vostro orario di lavoro. Il mio sarebbe di 7 ore e 12 minuti, ma poi di fatto succede sempre qualcosa per cui quelle 7 ore diventano 9. A maggior ragione da quando si sono allungate le giornate. E vabbè. Ciò su cui non transigo, però, è il tè pomeridiano.

Il lunedì, visto che a mattina e pure a pranzo ho immagazzinato una bella dose di caffeina, mi svago con un rooibos alla mandorla: naturalmente dolce, una vera e propria bibita che bevuta tiepida dà proprio ristoro. Ah, lo so che è lunedì: ma resistete alla tentazione di farvi una fetta di pane e nutella! Il rooibos alla mandorla dà (più o meno) la stessa soddisfazione.

rooibos

Il martedì invece un bel tè verde giapponese bancha ci sta proprio bene. Profumato, erbaceo, accompagna l’invio delle ultime email e il tasto “arresta il sistema” con una leggerezza che intender non la può chi non la prova. E ora via, mettete su il materassino e fate pilates in casa guardando un tutorial!

Il mercoledì ci trattiamo di lusso. Tè bianco, un pai-mu-tan leggero, dall’aroma appena appena palpabile. Eppure così perfetto, così straordinariamente completo. Quando finiamo la tazza, però, ricordiamoci anche di spegnere il pc, eh!

Giovedì torniamo su un rooibos, ma ai frutti rossi. Il rooibos è privo di caffeina, naturalmente dolce, e con i frutti rossi prende anche quel tono di acidulo e di profumato che male non fa! Ottimo sostituto della crostata ai lamponi, per esempio…

Venerdì, nuovamente, ci coccoliamo con stile: un tè verde al gelsomino ci dona profumo, primavera e autenticità. Questo tè è naturalmente profumato, perché i fiori di gelsomino sono mescolati alle foglie di tè e dunque non c’è bisogno di aromatizzanti aggiuntivi come invece avviene per tutti i tè aromatizzati – buoni buonissimi, ma in qualche modo finti – che possiamo trovare sul mercato. Chiudiamo lo smartworking con una tazza di onestà e di autenticità. Siamo pronti per rilassarci nel weekend.

jasmine dragon pearls
Jasmine dragon pearls

Quali infusi e tisane bere nel dopocena

Solo infusi nel dopocena. Vietato assumere teina che potrebbe influire sul nostro sistema nervoso e dunque sul sonno. Molto meglio lavorare sulla digestione, sul relax e sul piacere.

Lunedì un infuso a base di karkadé e rosa canina ci informa che la settimana è appena cominciata, ma che siamo partiti col piede giusto! Devo dire che qualche anno fa il karkadé andava di gran moda, mentre ora è diventato difficile trovarlo. In ogni caso è una bevanda rossa, dal sapore acidulo, ma dissetante. Si ottiene dal fiore di ibisco e insieme alla rosa canina costituisce un infuso eccellente. Dà quel po’ di brio al gusto, ma non intacca il riposo.

Martedì invece siamo provati, me ne rendo conto. Così una camomilla, liscia o accompagnata da altre erbe, come il finocchio digestivo oppure l’anice o ancora la malva, è quello che ci vuole per farci strada verso il cuscino. Esistono molte soluzioni erboristiche di tisane per la buonanotte, basta scegliere quella che è più in linea con il nostro gusto.

tisana buonanotte
Un esempio di tisana della buonanotte a base di camomilla e arricchita con erbe varie e frutta.

Mercoledì invece mettiamo più brio in tazza! Un infuso mela e cannella ci dà dolcezza e esotismo, quel certo non so che che ci fa sognare, ci fa digerire e ci trasporta leggeri verso sogni piacevoli! Mi raccomando, non sognate ciò che ho sognato qualche notte fa: un dietista che mi diceva di fare attenzione alla ritenzione idrica e che indicandomi la pancetta mi diceva “sì, lei è lievemente grassa”! Vi prego, più mela e cannella nei vostri infusi, meno sogni astrusi!

Giovedì sera ci serve quel minimo di slancio e di convincimento per puntare ancora una volta la sveglia venerdì mattina. Così un bell’infuso limone e zenzero, stuzzicante e digestivo ci convince che dopotutto manca solo un giorno ancora. Ma non vi pare, tra l’altro, che queste settimane trascorrano davvero velocemente?

arancia e cannella
Gli ingredienti dell’infuso arancia e cannella

Infine, venerdì sera ci dedichiamo un infuso arancia e cannella: sapori un po’ invernali, forse, ma corroboranti e allo stesso tempo dissetanti, che ricordano quasi un liquore. E siamo pronti, inebriandoci nel profumo che l’infuso sviluppa in tazza, per affrontare il weekend.

E tu hai un tuo programma settimanale per bere il té o ti affidi al caso?

Se ti è piaciuta questa scheda, naturalmente puoi scaricarla! Te la lascio in pdf, così la puoi stampare e visualizzare ad una risoluzione migliore:

una settimana con il mio té

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.