Infusi, té e tisane per alleviare la costipazione e la cattiva digestione

Infusi, té e tisane per alleviare la costipazione e la cattiva digestione

Chiunque di noi prima o poi ha problemi di costipazione. Specie durante le feste, quando si è soliti mangiare in maniera più sregolata, più abbondante, in ogni caso abbandonando, se pur per qualche giorno il proprio regime alimentare. In questi casi costipazione e cattiva digestione sono all’ordine del giorno.

La costipazione è un malessere legato alla difficoltà per l’intestino di evacuare con conseguente appesantimento, a volte anche dolore, che può perdurare anche qualche giorno. La costipazione è legata all’irregolarità intestinale: in qualche caso può essere dovuta a fattori contingenti, come appunto i pranzi e le cene sotto le feste di Natale, oppure durante un viaggio, in quanto cambiamo per qualche tempo le nostre abitudini alimentari. Ma ci possono essere anche altri fattori: una dieta troppo povera di fibre; bere troppo poca acqua, mancanza di attività fisica. Anche l’assunzione di determinati farmaci può avere tra gli effetti collaterali la costipazione.

Infusi, té e tisane per alleviare la costipazione

Una delle possibili soluzioni per alleviare questa situazione, e per aiutarla a risolversi, è ricorrere a rimedi naturali tra cui tisane, infusi e té a base di erbe dalle proprietà lassative o stimolatrici.

Esiste un’ampia varietà di tisane e infusi in grado di aiutare a regolare il nostro intestino in sofferenza. Alcuni di essi vanno assunti in momenti specifici per aiutare l’intestino a ripulirsi, mentre altri hanno proprietà che migliorano la salute dell’apparato digerente prevenendo l’insorgenza della costipazione.

  • Infuso allo zenzero e limone

Lo zenzero innesca la secrezione biliare. Stimola l’attività degli enzimi digestivi, accelera il metabolismo; riattiva l’intestino lento; è composto da antiossidanti che proteggono le cellule del corpo. Inoltre ha proprietà anti-infiammatorie. Solo un’avvertenza: non dovrebbe essere consumato da chi assume farmaci per il sangue perché la pianta ha effetti anticoagulanti e ipoglicemizzanti. In ogni caso sentire il proprio medico è la cosa migliore.

Per prepararlo, occorre mettere nell’acqua bollente un piccolo quantitativo di zenzero, servire in tazza e spremervi dentro del succo di limone, quindi aggiungere miele, se si vuole, e bere.

  • Té alla menta

thé à la menthe Place jemaa el-fna
Il mio té alla menta in Place Jemaa el-Fna

Lo direste? La bevanda nazionale del Marocco è un toccasana in caso di costipazione: stimola infatti la secrezione della bile (favorendo così la digestione), lenisce i dolori addominali e allo stomaco a causa dei suoi composti carminativi che aiutano ad eliminare i gas dallo stomaco e dall’intestino, attiva l’intestino, combatte i gonfiori.

Per prepararlo occorre mettere in infusione in acqua calda foglie di menta e un cucchiaino di té verde cinese (gunpowder, il più diffuso) e dolcificare con zucchero o con miele.

  • Té verde

Il té verde, con le sue proprietà antiossidanti aiuta un corretto funzionamento dell’intestino andando a stimolare l’eliminazione di scorie e tossine.

Un cucchiaino di té verde in foglie per tazza d’acqua a 80° circa per due o tre minuti (ma varia dalla tipologia di té verde, perché non tutti i té verdi sono uguali) ed è fatta.

gunpowder
il té verde gundpowder è l’ingrediente fondamentale del té alla menta marocchino

Infusi, té e tisane per aiutare la cattiva digestione

Strettamente collegata alla costipazione c’è la cattiva digestione. La costipazione, infatti, è uno dei sintomi di una digestione pesante e/o cattiva. Gli altri sintomi invece sono sonnolenza e stanchezza, gonfiore, gas e sensazione di stomaco pieno, reflusso gastrico e alitosi. Naturalmente, onde evitare una cattiva digestione bisogna stare molto attenti a cosa si mangia e si beve e come lo si fa. Resta il fatto che un episodio di cattiva digestione può capitare, e allora per aiutarla si può porre rimedio preparandosi un té o un infuso con ingredienti dalle proprietà digestive. L’importante, però, è di non ricorrere al té appena finito di mangiare: diamo tempo all’apparato digerente di capire cosa sta succedendo nel nostro stomaco prima di riversargli acqua calda all’interno, che irrimediabilmente condiziona l’esito della digestione: aspettiamo almeno 15 minuti e non beviamo la tazza bollente, ma aspettiamo che si freddi un pochino; in questo modo il nostro stomaco sarà in grado di assorbire gli enzimi e gli oli rilasciati dalle erbe poste in infusione.

Gli infusi da prendere in considerazione per correggere una cattiva digestione sono i seguenti:

  • Infuso all’anice

L’infusione di anice stimola la secrezione dei succhi gastrici. Come antispasmodico naturale può rilassare i muscoli iperattivi in tutto il tratto digestivo, allevia la digestione pesante, allevia i crampi addominali ed evita la formazione di gas.

  • Tisana al finocchio

tisana al finocchio
Tisana al finocchio

Il finocchio è utilissimo in caso di cattiva digestione, crampi addominali, gonfiore, flatulenza e diarrea. È un antispasmodico naturale che aiuta a rilassare il tratto digestivo e ad alleviare i sintomi della sindrome del colon irritabile. Inoltre, anche se non direttamente collegato all’apparato digerente, aiuta nella ritenzione idrica e dunque è un alleato di chi vuole mettersi a dieta per perdere peso. La tisana al finocchio si può preparare con i semi oppure con i bulbi o ancora con le foglie. Nel caso dei semi, essi vanno pestati e messi in un infusore per il té in tazza, in modo che possano liberare gli oli essenziali che contengono; nel caso delle foglie esse vanno sciacquate e messe in infusione per 10-15 minuti; nel caso del bulbo occorre sminuzzarlo e metterlo in infusione per 10-15 minuti, quindi filtrare e bere.

  • Infuso di foglie di alloro

Questo è il classico rimedio della nonna. Oppure del fidanzato, che è calabrese e lo ha appreso fin da piccino per curare indistintamente i dolori di pancia. L’alloro in effetti ha proprietà digestive, aiutando il lavoro dello stomaco e contrastando il sopraggiungere di flatulenza e di coliti; inoltre disintossica il fegato grazie alle proprietà epatoprotettive delle foglie. Per prepararlo si fa prestissimo: foglie secche di alloro messe in infusione o direttamente a bollire nell’acqua.

  • Tisana alla curcuma

Questa spezia va piuttosto “di moda” negli ultimi anni: si è imposta sia in cucina che come integratore alimentare. In effetti ha tantissime proprietà benefiche per l’organismo. Per quello che interessa noi favorisce la digestione, stimola la secrezione della bile e favorisce la depurazione del fegato. Un vero toccasana sotto molteplici punti di vista che si può preparare facilmente con la curcuma in polvere: per 500 ml d’acqua ci vogliono 2 cucchiaini di curcuma in polvere, un cucchiaino di miele, un cucchiaio di succo di limone e una spruzzata di pepe secondo la ricetta di greenme.com; in alternativa si trova già confezionato per Yogitea, per esempio.

tisana alla curcuma
tisana alla curcuma
  • Camomilla

camomilla
camomilla appena colta in giardino e messa in infusione nel pentolino

L’infuso principe dei nostri dopopasto per aiutare la digestione. Contribuisce a non accumulare gas nello stomaco e allevia la sensazione di pesantezza. Il suo gusto delicato o gradevole è l’ideale per completare qualsiasi pasto. Fa bene anche per alleviare la nausea nonché, e lo sappiamo bene, per combattere l’insonnia. Insomma, la camomilla fa bene in tutte le situazioni di stress del nostro organismo: io da ultimo l’ho utilizzata come risciacquo per le gengive doloranti dopo l’esecuzione di un impianto a un dente!

Dopo le feste occorre rimettersi in pari. Il nostro organismo ce lo chiede. Non è solo questione di fare la dieta, non tutti abbiamo necessariamente preso chili; ma occorre in qualche modo depurarsi, rimettersi in carreggiata, riacquistare la propria regolarità, anche intestinale. Gli infusi che ho elencato fin qui sono un valido aiuto – certo, non una cura – per rimettersi in sesto e ripartire con brio.

[articolo liberamente tratto e tradotto da myteashack.com]

Puoi leggere anche Parola d’ordine Detox!

Per iniziare l’anno con brio ti invito a scaricare il calendario de Il mio té

Sei d’accordo con questi rimedi? Hai altri infusi o té da suggerire? Parliamone nei commenti o sulla pagina facebook de Il mio té blog: ti aspetto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.