Breve storia del Rooibos

In tanti fanno ancora confusione. Siccome per questioni di marketing spesso viene venduto come té rosso, molti credono che il rooibos sia una varietà di té.

Errore.

Ripetiamo insieme: il rooibos non è un té. Il rooibos non è un té

Ripetiamo insieme: il rooibos non è un té. Il rooibos non è un té

Ne ho già parlato in un altro post, ma lo ribadisco: il rooibos non ha niente a che vedere con il té, perché non viene tratto dalle foglie della camelia sinensis, ma da un arbusto sudafricano, il rooibos appunto in lingua Afrikaans, che significa redbush (arbusto rosso) e il cui nome scientifico è aspalathus linearis. In Sudafrica il rooibos è coltivato nell’area montuosa di Cederberg, nella regione del Capo di Buona Speranza.

Qui gli abitanti indigeni bevevano un’infusione di rooibos già prima dell’arrivo degli Europei: raccoglievano i rami e battevano le foglie, simili ad aghi, con dei pestelli, in modo da sminuzzarle, quindi le facevano fermentare e seccare al sole. I primi coloni, scoperta questa bevanda, si fecero due conti in tasca e capirono che era molto più conveniente bere l’infuso di rooibos che non farsi importare il té nero dall’Europa (il quale té nero era a sua volta importato dalla Cina: vi immaginate che prezzi poteva raggiungere un pane di foglie di té?). Perciò cominciarono a berlo, e certo non rimpiansero le vecchie abitudini della Madrepatria.

L'area di produzione del rooibos in Sudafrica. Credits: Manutee-factur.com

L’area di produzione del rooibos in Sudafrica. Credits: Manutee-factur.com

Nel 1772 un naturalista svedese, Carl Peter Thunberg, allievo di Carl Linnaeus (che tutti noi abbiamo studiato a scuola: è lo studioso al quale dobbiamo la classificazione degli esseri viventi), considerato il padre della Botanica Africana, riportò nel Vecchio Continente la notizia dell’esistenza della pianta del rooibos e del suo utilizzo al posto del té. Ma è solo nel 1904 che il pioniere russo Benjamin Ginsberg, esploratore della regione del Capo di Buona Speranza, apprese dai Bushmen, gli indigeni, la preparazione dell’infuso e decise di diventare il primo coltivatore ed esportatore di rooibos in Europa. Ginsberg, del resto, proveniva da una famiglia di mercanti di té. Non gli fu difficile inserire il suo “nuovo” prodotto nelle vecchie vie commerciali. Da lì in avanti Benjamin, e poi il figlio Charles, trasformarono la coltivazione per renderla sempre più produttiva in modo da rispondere alle richieste di un mercato sempre più ampio. Oggi il rooibos è infatti molto diffuso, e continuerà ad esserlo sempre più.

Un mucchietto di rooibos

Un mucchietto di rooibos

La caratteristica principale del rooibos è quella di essere naturalmente dolce. Inoltre, proprio per la sua dolcezza intrinseca, si presta ad essere aromatizzato con profumi ancora più dolci o che tendono ad accentuare la piacevolezza dell’infusione. Ricordo ancora che il primo rooibos che bevvi, acquistato in Austria nell’ormai lontano 2003, era aromatizzato alla ciliegia: davvero dolcissimo (mi ricordo ancora la confezione: blu, con una giostra sull’etichetta). L’ultimo rooibos approdato in casa mia è invece aromatizzato alla mandorla e pistacchio, dolce regalo della mia amica Valeria. E poi c’è Cape Town, della serie Tea Travels de La Via del Té aromatizzato alla malva, alla rosa e ai petali di girasole. Infusioni dunque dolci, fruttate, leggere. L’infusione è di color arancio-ambrato tendente al rosso (diventa più o meno rosso a seconda degli ingredienti nei rooibos aromatizzati). Le foglie sono più simili ad aghi di pino sminuzzati. L’unico difetto di questa bevanda è il fatto che gli aghi di rooibos sono talmente piccoli e sottili, spesso, da passare il colino e finire in tazza. Ma se questo problema non vi infastidisce siete a posto. Io molto spesso me li bevo direttamente, senza farmi troppi problemi.

Non essendo un té, il rooibos non contiene caffeina. Per questo è particolarmente adatto a chi non vuole rinunciare alla sua tazza pur dovendo tenere sotto controllo l’assunzione di caffeina. Pare inoltre che il rooibos abbia proprietà salutari: combatte i radicali liberi ed ha proprietà digestive. Ciò sarà utile ricordarselo sotto le feste quando sarà necessario depurarsi dalle troppe mangiate: così spiega un articolo di Green.me che vi consiglio di leggere.

Té o non té, il té rosso è una valida alternativa alla tazza di té delle 5 oppure alla tisana dopopasto. E come per tutte le tazze da té, anche bere un rooibos è un puro piacere per il corpo e per la mente.

Bene, vado a prepararmene una tazza 😉

E voi avete mai bevuto il rooibos? Come vi piace? In purezza o aromatizzato? Raccontatemelo nei commenti, oppure sulla pagina Facebook de Il mio Té Blog!

 

Advertisements

3 responses to this post.

  1. Grazie per aver parlato anche tu del rooibos e per aver specificato che non è un tè 🙂
    Magari anche gli addetti al settore cominceranno a chiamarlo infuso 😉

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: