Quando il té è fashion: Jean-Paul Gaultier per Kusmi Tea

Kusmi Tea si è rifatto il look. O almeno l’ha rifatto per alcuni suoi té di punta. Prendete Anastasia, per esempio, blend russo di té neri cinesi aromatizzato al bergamotto, al limone, al lime e ai fiori d’arancio: fa parte della collezione di té russi di Kusmi; il suo nome evocativamente richiama la principessa Anastasia, figlia dello Zar Nicola II la quale, narra la leggenda, sarebbe riuscita a sfuggire alla fucilazione che la famiglia reale russa subì nel 1917, avvenuta la Rivoluzione d’Ottobre, perché non vi fosse possibilità che uno zar tornasse sul trono di Russia. La leggenda narra che Anastasia, all’epoca bambina, sia stata messa in salvo. In realtà quasi sicuramente non è così, però il suo nome ci riporta immediatamente in Russia, nella bella Sanpietroburgo, al Palazzo d’Inverno e sulla Prospettiva Nevskij. Questo té è dunque un omaggio alla zarina mancata, alla principessa.

la principessa Anastasia Romanov

Proprio in quanto principessa, è giusto che sia uno stilista di fama mondiale a rivestirla.

image
Anastasia Kusmi Tea by Jean-Paul Gaultier

Così la confezione del té Anastasia Kusmi Tea è stata rifatta da Jean-Paul Gaultier, stilista che noi donnine conosciamo principalmente per i suoi profumi e per la sua ispirazione ai marinai (l’avete vista tutte la pubblicità con il marinaio sulla prua della nave che arriva in piena Parigi a baciare la sua bella affacciata alla finestra).

Jean-Paul Gaultier solitamente è un tipo eccentrico, eccentriche sono le sue creazioni, i suoi colori e i suoi disegni. La tea-tin di Anastasia è invece elegante e sobria, sui toni del blu e del bianco. Il riferimento ai marinai c’è sempre, nelle rose che sembrano quelle dei tatuaggi e nelle righe orizzontali bianche e blu.

image
Anastasia kusmi tea

Il té è sempre lui, Anastasia, caldo, potente, agrumato. A chi piace il genere, Anastasia non può che entusiasmare. È l’ideale per la pausa del té delle Cinque. Una pausa di piacere nel freddo inverno, quando fuori soffia un vento gelido che porta la neve. Così la Russia non ci sembrerà poi così lontana.

3 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.