La mia risposta a Caronte&Friends: i cubetti di ghiaccio al té

Quest’estate Caronte e i suoi fratelli hanno messo a dura prova la nostra sopportazione del caldo e dell’afa. Scene apocalittiche di nottate passate in bianco, di sudore che impregna il cuscino, di finestre aperte sperando che passi quel filo d’aria che tanto non passa.

E così, un po’ per trovare la soluzione dell’estate al caldo micidiale, un po’ per divertirmi (eh sì, mi diverto così), ho fatto un esperimento: ho preparato un té aromatizzato, l’ho lasciato raffreddare, e l’ho passato in freezer. In freezer? Certamente: volevo ottenere dei cubetti di ghiaccio al té!

image

La mia idea aveva un duplice scopo: da un lato ottenere dei cubetti di ghiaccio con i quali aromatizzare l’acqua; dall’altro, garantirmi il massimo del refrigerio nei momenti di caldo più estremo: chi infatti non si è mai cacciato in bocca un intero cubetto di ghiaccio per rinfrescarsi o per dissetarsi? In questo caso, il cubetto che si scioglie rilascia anche il profumo del té. E non mi sembra poco.

image

Ho fatto finora 3 tentativi. Il primo, lo ammetto, non mi ha entusiasmato, ma è colpa senza dubbio della mia scelta di ricorrere ad un té che sì, è profumato, ma molto delicato: il té verde al gelsomino. I cubetti sono risultati di un colorino verde/giallo, e pur se profumati, al gusto si sono rivelati poco incisivi.
Ma volevo perseguire nel mio esperimento. Non sarà un solo tentativo a fermarmi. Ho cercato così nelle mie scorte qualcosa di totalmente opposto alla delicatezza del gelsomino ed ho trovato un infuso a base di rosa canina, arancia e papaia. Un bel colore rosso in infusione e un profumo decisamente intenso e stuzzicante. I cuoricini di ghiaccio sono venuti rossi esattamente come li volevo e sono riusciti ad aromatizzare l’acqua proprio com’era nelle mie intenzioni iniziali.

image

Galvanizzata da questo soddisfacente risultato, ho fatto il terzo tentativo: cubetti di ghiaccio all’earl grey. Anche in questo caso il risultato è stato eccellente e l’acqua aromatizzata piacevolmente rinfrescante. Anzi, se lasciati sciogliere per bene nel bicchiere si ottiene un vero Earl Grey ghiacciato.
Ultimo esperimento, particolarmente estivo, in ordine di tempo, è a base di té nero ananas e limone. Un mio acquisto di qualche tempo fa che era ancora rimasto sigillato: prodotto dalla Dallmayr, della quale avevo già provato un ottimo infuso alla pesca bianca (anch’esso sarebbe adatto alla bisogna, tra l’altro). Dal sapore d’estate, si presta molto bene anche come té freddo.
image
E voi che ne dite? Vi ispira l’idea? Quali té o infusi vi ispirerebbero?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: