Archive for novembre 2014

C’è posta per me, anzi, per té!

Ricordate che in qualche post fa vi raccontavo di come su Twitter io abbia avviato una conversazione con @Ahmad Tea, nota casa produttrice di té inglese, e lodavo il loro modo di fare marketing attraverso i social media? Ebbene, quel post dev’essere garbato molto al Signor Ahmad (soprattutto nella parte in cui dicevo che nel mio imminente viaggio a Londra avrei certo acquistato Ahmad Tea piuttosto che un’altra marca di té…), perché pochi giorni dopo averlo pubblicato, sono stata contattata su messaggio privato su twitter proprio da Ahmad Tea che, per ringraziarmi per il post, voleva spedirmi un regalo:

ahmad1

Potete immaginare la mia sorpresa e gioia, la voglia di volerlo dire a tutti: perché non capita tutti i giorni che un produttore di té ti regali qualcosa. A me, per lo meno, non era mai successo prima.

Comunque il té è arrivato. Ieri, proprio a coronare il mio rientro da Londra, mi ha suonato al campanello il fattorino di DHL. Mi ha consegnato una scatola di cartone bianca, sulla quale campeggia il logo di Ahmad Tea. Non stavo più nella pelle: dovevo aprirla subito! E così ho fatto. All’interno, un biglietto “with compliments” e, al di sotto, due confezioni: una selezione di té neri (Earl Grey, English Breakfast, English Tea n°1, Darjeeling) e Detox, un infuso a base di zenzero, rosmarino, tarassaco e finocchietto, che da quanto ho capito dev’essere il loro prodotto di punta di questa stagione.

ahmad2

Non potevo non provare subito il té nuovo, che è ancora più piacevole, se regalato: ho scelto l’English Tea n°1, una miscela di té neri potente, che accompagnerebbe sicuramente bene i dolci per il té delle 5, ma che ho preferito sorseggiare da solo, in casa, in tranquillità, alla luce fioca di una lampada, appoggiata al riscaldamento e guardando fuori dalla finestra questo pomeriggio uggioso che lentamente diventava sera, ultimo attimo di calma prima di rientrare a lavoro dopo lo stacco londinese.

Grazie Ahmad Tea per questo graditissimo regalo. Ah, naturalmente a Londra ho acquistato solo Ahmad Tea, il resto non l’ho minimamente preso in considerazione. Sono o non sono una cliente da coccolare? 😉