Sogni in una scatola di latta

Durante il nostro viaggetto estivo in Camargue siamo stati ad Aigues Mortes. Località turistica a livelli inimmaginabili e fastidiosi, tra i vari negozi di souvenirs, ristorantini, boutiques e chi più ne ha più ne metta, ci siamo imbattuti nel punto vendita di La Cure Gourmande, negozio di dolciumi, biscotti, confetti, cioccolatini (famose le sue olive di cioccolato, per esempio) noto e diffuso in tutta la Francia: un negozio si trova a Parigi lungo la salita che porta alla teleferica per MontMartre e non credo di sbagliare nel ricordarne uno anche a Mentone. Più simile ad un gioielliere che ad una dolciumeria, visti i prezzi, La Cure Gourmande completa la sua offerta con una meravigliosa collezione di scatole di latta a tema vario. E io, ahimé, ho scoperto ultimamente di non saper resistere alle scatole di latta, con la scusa di metterci il té. Le vendono piene, oppure vuote (da riempire con i loro preziosissimi dolciumi). E io ovviamente le ho prese vuote.

la cure gourmande

Ed eccomi, in modalità bambina in un negozio di caramelle (ah, beh, più o meno…) piazzarmi davanti al bancone con tutte le scatole di latta in esposizione: sono stata mezz’ora a scegliere. Volevo prenderne una sola, ma come al solito, quando l’ardua scelta si è ristretta a 2 opzioni, il cuore non ha retto ed entrambe le scatole finaliste sono tornate in Italia con me.

la cure gourmande

Sono latte piuttosto grosse, apposta per contenere biscotti, e io che di biscotti ne mangio pochi (giusto quelli cucinati da Pane libri e nuvole) devo trovare loro un’altra funzione. Beh, la scatola quadrata è facile da occupare: ho tante di quelle bustine da té cui trovare una sistemazione, che non mi sarà difficile riempirla. E’ sull’altra scatola che ho qualche perplessità: té sfuso? Ma dovrei averne a chili! caramelle, forse? Eh, questa potrebbe essere un’idea… ho ancora le caramelle al té di Mariage Frères da finire, per esempio…

Ma ora veniamo al perché della scelta: perché proprio queste 2 scatole e non un’altra?

la cure gourmandeLa scatola quadrata è abbastanza semplice da spiegare: nel corso del nostro viaggetto in Camargue abbiamo fatto tappa al Pont du Gard, raffigurato nel centro del coperchio: una scatola che è anche un souvenir, quindi. E poi diciamocelo: lo sfondo è giallo, per cui prende 100 punti già solo per questo! Nell’immagine centrale il Pont du Gard è lo sfondo per una piacevole gita in barchetta di inizio ‘900, un’immagine bucolica e impressionista. Le altre immagini, più piccine, sulla scatola raffigurano invece alcuni borghi e paesaggi del Sud della Francia, tra cui le paludi della Camargue con i fenicotteri rosa, il castello di Avignone e le mura di Aigues Mortes.

L’altra scatola di latta a mio parere non ha bisogno di giustificazioni: semplicemente doveva venire via con me! C’è raffigurata una Parigi di inizi ‘900 sorvolata da coloratissime mongolfiere: la Tour Eiffel si staglia sullo sfondo, mentre eleganti signore Belle Epoque salutano il volo nei cieli parigini.

Cosa mi piace incredibilmente di queste scatole? Cosa mi rapisce al punto di stare interi quarti d’ora a guardarle, ad osservare i dettagli dei disegni e dei paesaggi rappresentati? Avete presente Mary Poppins, quando lei, i due bambini e Bert lo spazzacamini saltano nel dipinto per terra che Bert ha appena finito di disegnare all’ingresso del parco? Ecco, esattamente quello: la bellezza, decisamente infantile, di guardare un’immagine e sognarsi tutto un mondo dietro, o oltre, e sognare di far parte di quel mondo; potessi, salirei su una mongolfiera e sorvolerei anch’io Parigi e la Tour Eiffel, potessi, andrei anch’io in barchetta sotto il Pont du Gard. Qualcosa della bambina che è in me ogni tanto salta fuori. Ho smesso di giocare con le bambole da un bel po’ ormai. Ma smettere di sognare, mai.

la cure gourmande

3 responses to this post.

  1. Che bella l’immagine di saltare dentro le illustrazioni… anche io ci penso sempre quando vedo un disegno!

    Rispondi

  2. Posted by zia claudia on 11/08/2013 at 20:25

    “Cosa mi piace incredibilmente di queste scatole?”

    La possibilità di non smettere mai di sognare!

    PS: bellissime scatole. preferisco la rotonda con il coperchio a cupoletta.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: