Di sole, di sale, di rosa, di vento: un té mediterraneo ripensando alla Camargue

Sono appena rientrata da un viaggetto in Camargue. Poca roba, 4 giorni, ma sufficienti per innamorarmi di una terra arida e selvaggia, sicuramente indomita, e tuttavia estremamente poetica. Saranno le lagune e le paludi, saranno gli stormi di fenicotteri rosa, saranno i cavalli bianchi che pascolano allo stato brado nei campi, saranno infine i tori neri che se ne stanno nella terra bruciata dal sole, all’ombra di alberi spogli che forniscono l’illusione dell’ombra più che l’ombra stessa. Sarà infine il caldo della stagione estiva, l’odore di salmastro che si alza dalla palude, l’ambiente irreale creato dalle saline rosa, ma tutto questo mi torna in mente, e il ricordo è ancora fresco, mentre sorseggio un mio té che si chiama per l’appunto Brezza Mediterranea , un té bianco aromatizzato alle foglie d’olivo*, profumo pungente, secco, come pungente e secco sa essere il salmastro. Un té bianco aromatizzato molto particolare, che mi è stato regalato da un’amica qualche tempo fa e che ha una grande forza evocativa. Sorseggi e chiudi gli occhi, e ti si schiudono davanti immagini di paesaggi naturali mediterranei come ne  hai visti molti nella tua vita, senza però riuscire a focalizzarne uno in particolare. Poi però vai in Camargue, e torni, e bevi, e tutto ti appare chiaro: è questa l’immagine che stavi cercando, è questa l’immagine che voglio abbinare al mio té.

Camargue

Leggero come i fenicotteri rosa che quasi pattinano nelle basse acque degli stagni; bianco come i cavalli che si abbeverano alle pozze d’acqua in mezzo alla laguna; erboso come l’abbondante erba alta, incolta, che caratterizza queste lande; selvatico come tutto in Camargue, dal vento ai rumori ai sapori.

Perché anche la Camargue è Mediterraneo, con i suoi tramonti rossi, infuocati, struggenti come il sole di luglio: siamo al delta del Rodano, un luogo unico al mondo e ancora, incredibilmente, autentico. E capace di suscitare quel po’ di malinconia che solo i tramonti come questo sanno fare…

tramonto in Camargue

 

 

 

*Brezza Mediterranea by Essenza del the: té bianco, foglie di olivo, pezzi di mela e lampone, petali di girasole e camomilla.

One response to this post.

  1. Che belle parole…evocano davvero quei panorami al tramonto, caldi ed intensi. E il ricordo dei fenicotteri con il loro maestoso incedere sull’acqua dorata…che voglia di ripartire!!

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: