Una sera al Teatro dell’ozio

Già solo il nome ispira. Poi arrivi lì davanti e attraverso la vetrina vieni catapultato in un’ambiente accogliente, rilassante, piacevole. Il salotto ideale di casa tua, in sostanza. E’ il Teatro dell’Ozio, un nuovo concept store (così si definisce) che ha aperto da poco a Firenze, ma che ha già conquistato il cuore mio e delle mie amiche, con le quali sono già andata una sera a prendere il té.

teatro dell'ozio

Sì, perché al Teatro dell’Ozio, sedute su divani o su poltrone d’arredamento, a tavolini a metà strada tra il vintage e il rustico, in mezzo ad un arredamento che ha quel tocco di eleganza e di confettoso che è esattamente il tipo di arredamento che ti aspetti da un posto del genere. Tutti i dettagli sono al loro posto, che si tratti di fiori in un vaso di vetro, di candele sulle mensole, di teiere e di soprammobili di una finezza incredibile. E poi c’è il té. Ho preso un té di produzione italiana, il Piccolo Principe, dal colore giallo e l’intenso profumo di torta appena sfornata. Le mie amiche si sono sbizzarrite, tra chi ha preso infusi fruttati e chi il té bianco. Ma soprattutto ci siamo confuse in mezzo al bene, quando si è trattato di scegliere con quale dolciume accompagnare le nostre tazze. I dolci sono il punto di forza del locale: tra macarons, cupcakes e torte, c’è l’imbarazzo della scelta, ed è difficile lasciare da parte la golosità.

teatro dell'ozio

Ma la cosa più bella del locale rimane senza dubbio il nome, che rispecchia ampiamente ciò che ti immagini che succederà all’interno: il piacere di sorseggiare una tazza di té, di gustare un macaron, di stare comodamente seduta su un bel divano avvolgente, e soprattutto di poter chiacchierare in totale relax, di ridere in compagnia, di potersela raccontare con spontaneità e in amicizia. E dove tutto è perfettamente al suo posto, perché l’occhio vuole sempre la sua parte. E’ il luogo ideale per un té con le amiche, con le quali è ancora più piacevole oziare…

4 responses to this post.

  1. Posted by Anna on 21/10/2012 at 20:55

    Non mi piace il te..ma a forza di leggere i tuoi blog…..vuoi vedere che ci vadooo

    Rispondi

  2. Amiche.. amiche… E a me chi mi ci porta?!😉

    Rispondi

  3. […] il profumo di torta appena sfornata del té Piccolo Principe che ho bevuto qualche sera fa al Teatro dell’Ozio, ma ahimè non ce l’ho. Oppure un té alla mandorla potrebbe andare bene, dal profumo forte e […]

    Rispondi

  4. A fine mese sarò a Firenze, non mi perderò questo bel posto! Ciao

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: