La mia idea di té freddo

Le mie ultime scoperte in fatto di té freddo, prima la ricetta per prepararlo direttamente nel ghiaccio, poi la scoperta del Twinings Fresh, mi hanno fatto pensare un attimo a che cos’è il té freddo, a come lo vedo io, come lo vorrei bere io, come lo intendono gli altri, come in generale ce lo vendono. Perché le cose sono ben differenti.

In entrambi i casi di cui ho parlato io, Ice-brewed Infusion e Twinings Fresh, abbiamo a che fare con un té che si prepara ancora nel metodo più o meno tradizionale: al posto dell’acqua calda c’è il ghiaccio o l’acqua a temperatura ambiente, ma si parte sempre da un té da mettere in infusione, in foglie o in bustina.

Sulle confezioni di té sfuso che si acquistano ad esempio a “La via del té” a Firenze ci sono le istruzioni per preparare i té freddi: “Fare l’infusione del té e raffreddare con cubetti di ghiaccio” oppure per una “Preparazione alternativa per l’ice-tea alla frutta: mettere nell’acqua fredda la dose dell’infuso alla frutta e lasciare riposare in frigorifero per almeno 12 ore“.

A questi metodi che prevedono l’infusione, si può aggiungere quello del té turco, solitamente alla mela, che è un té solubile dal gusto molto accentuato, che va disciolto in acqua fredda. Non è propriamente un té, è un infuso, piuttosto, ma il risultato è quello che conta. Non incontra del tutto il mio favore, ma va accolto come prodotto tipico di una regione del mondo e come tale va sperimentato e provato.

Se proprio vogliamo fare il giro del mondo a caccia di té freddi non può mancare nel mio repertorio personale il Bubble Tea! La bevanda da passeggio che adoro di più in assoluto al mondo, che potrei consumare a litri senza che mai mi venga a noia, nelle sue varianti col latte o senza, può essere considerata un’invenzione orientale, poi esportata in mezzo mondo (tranne che da noi, sigh sob!), che funge anche da Ice-Tea: in effetti il Bubble Tea freddo – preferibile nella versione senza milk – è fresco, dissetante e divertente, con le sferette di tapioca o di gelatina di frutta da aspirare con la cannuccia. E il té è preparato a partire da bustine di té (lo preparano lì per lì, dunque si vede), poi raffreddato nel ghiaccio e addizionato con eventuali succhi di frutta. Io continuo a consigliarlo caldamente. W il Bubble Tea! W chi l’ha inventato!

bubble tea

Bubble Tea al Lychee

E poi vi è l’ultima categoria, quella che tutti conoscono come té freddo, ma che di fatto è più una bibita che altro, spesso zuccherata, sicuramente colorata artificialmente: sono i té freddi in bottiglia che riempiono gli scaffali dei supermercati. I vari Belté, Lipton Ice-Tea, EstaThé ecc ecc sono bibite, almeno a mio onesto parere, in cui ben poco è rimasto del té di cui portano il nome. Liberissima di sbagliarmi, naturalmente, ma per quanto mi riguarda il té freddo in estate me lo preparo da me. La materia prima, del resto, non mi manca…

One response to this post.

  1. […] portata la scorta..). Nel frattempo la stagione è passata dal troppo caldo che faceva sognare i té freddi al piovoso autunno che fa sognare un bel té fumante. A ciò si aggiunge quel leggero mal di gola […]

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: