Lo sapevate? Esiste il Cactus Tea!

Su richiesta di Piumino, che oggi mi ha detto espressamente di “produrre” qualcosa, mi sono messa subito all’opera, a caccia di ispirazione. Di cosa poter parlare, che magari interessi anche Piumino? L’ispirazione non ha tardato granché ad arrivare: mi sono chiesta infatti “ma esisteranno dei té al cactus?”. La domanda non é così campata in aria dato che i frutti di alcune piante grasse, come i fichi d’india, si mangiano, le pale dei suddetti fichi d’india si possono mangiare (Piumino docet) e sempre dal fico d’India in Sicilia ci ricavano persino il liquore (invero molto buono). Dunque la mia domanda é più che legittima: si può fare il té al cactus?
La risposta, signore e signori, é SÌ! Esiste il Cactus Tea!
Per scoprirlo ho fatto una breve ricerca su Google, cercando cactus tea. I risultati non sono molti masono interessanti e ancora una volta mi consentono di ampliare le mie conoscenze in materia di cactus e di cultura generale.
Il Cactus tea viene utilizzato soprattutto in ambito medicinale in soggetti affetti da diabete, ma anche come supporto a cure di altro tipo. Il cactus utilizzato é il prickly pear, che altro non é se non il nostro versatile fico d’India, del quale impariamo così un nuovo uso.

Pic by Piumino

Ma come si prepara il cactus tea? Innanzitutto si utilizzano i fiori essiccati del fico d’India, che hanno proprietà medicinali note fin dai tempi in cui erano gli indigeni precolombiani a popolare il Messico e l’America Centrale (ricordiamo che il fico d’India é originario del continente americano, come pomodori, peperoni, patate e mais). Si riempie di fiori un infusore per il té, lo si mette in tazza e vi si versa dell’acqua bollente, dopodiché si lascia che si liberi l’infusione per 5-7 minuti, a seconda di quanto lo si vuole forte. Si tratta in sostanza di un’infuso, un interessante infuso ai fiori di cactus.
Se non vi soddisfa il semplice infuso ai fiori di cactus, esiste comunque anche il té verde aromatizzato: té verde sencha con menta nana e fiori di cactus, dal nome Cactus Mint. Che dici, Piumino, ce lo procuriamo?

5 responses to this post.

  1. Sono onorato! Assolutamente da fare: il tea time al cactus!

    Rispondi

  2. […] Marina, direi che tu porti il cactus tea, e io la […]

    Rispondi

  3. […] come una polvere luminosa, ben visibile nelle foto. E dato che ci siamo chiesti se esistesse il te al cactus, e abbiamo avuto risposta positiva, credo doveroso a questo punto chiedersi se esista anche il […]

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: