Lo spettacolo dei Taiko

Sono appena rientrata da uno strepitoso spettacolo di Tamburi Taiko.

Il Taiko è il linguaggio per comunicare con gli Dei, il linguaggio del cuore: non c’è bisogno di lingue o di giri di parole, è l’espressione più immediata e sincera. Sarà che il tamburo è forse il primo strumento musicale ad essere stato inventato, ancestrale, quindi, ma sentirlo suonare così forte, così vicino, così forte e veloce è toccante, anzi, scuote davvero, da cima a fondo.

taiko

Lo spettacolo dei Taiko, a Natsu Matsturi, Firenze, 31 luglio 2011

I suonatori di Taiko convenuti a Natsu Matsuri 2011 sono 6, da Kyoto apposta per portare a Firenze questo suono così antico ma, in Giappone, così attuale. Una vera scuola di Taiko, con maestri e allievi, tramanda questa che è un’antica tradizione. Alcuni dei brani presentati sono addirittura stati composti, e coreografati, perché di coreografie si tratta, dalla capobanda, una signora giapponese tutta nervi e braccia potenti. Perché sta tutto nella forza e nella resistenza delle braccia. I brani parlano di sentimenti umani, di aspirazioni umane, di energia, di pace, ma sono anche una dedica alla tragedia del Giappone, che è tuttora viva e lungi dal trovare una soluzione.

Lo spettacolo emoziona e commuove, il pubblico è entusiasta, il ritmo dei tamburi trascina, i suonatori stessi nonostante l’evidente fatica che fanno sembrano divertirsi tantissimo: impossibile non divertirsi con loro, il coinvolgimento è totale.

taiko

La novità dello spettacolo, per noi italiani occidentali che sappiamo poco o nulla di quel grande mistero che è l’intera cultura e civiltà giapponese, è stata una rivelazione. Penso di poter parlare a nome di tutto il pubblico quando dico che ci siamo alzati al termine dello spettacolo dall’anfiteatro di Villa Strozzi arricchiti nella conoscenza di qualcosa di nuovo sul mondo. Oggi siamo stati per un attimo nell’antico Giappone, abbiamo assistito al tradizionale “canto” dei Taiko. Ora è tempo di prepararsi un té matcha, per rendere onore all’evento.

PS: parlo di Natsu Matsuri e dello spettacolo di Taiko anche su viaggimarilore.wordpress

One response to this post.

  1. […] che cura una serie di manifestazioni di cui ho parlato qui in varie occasioni (Natsu Matsuri, i tamburi Taiko…). È da qualche anno che faccio la corte al corso di cerimonia del té, e quest’anno, 2013, le […]

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: