Archive for novembre 2010

è in arrivo un bastimento carico carico di… té! Da Parigi

Ebbene sì. Il blog è rimasto un po’ in silenzio negli ultimi giorni, ma ora ritorna con tante tante cose da dire. Tra pochi giorni comincerò a pubblicare il resoconto della mia missione a Parigi, da cui sono tornata carica di té!

Non perdete il racconto della mia (ennesima) esperienza nel Salon de The Mariage Frères, non perdetevi l’elenco dei miei nuovi acquisti e tutte le mie nuove scoperte.

Arriverà anche, non appena l’avrò letto tutto, la recensione de “L’arte francese del té”, una summa delle conoscenze sul té con annesso catalogo dei té di Mariage Frères, per sapersi orientare nella vasta scelta che il Salon de Thé-comptoir propone.

Spero a breve di cominciare a pubblicare i frutti del mio viaggio. E a tutti, nell’attesa, auguro una buona, anzi, un’ottima tazza di té!

Il té al Salone del Gusto 2010: poco ma buono

Mi scuso per il mese di ritardo con cui sto pubblicando questo resoconto. Purtroppo ultimamente non ho avuto neanche il tempo per godermi in santa pace una tazza di té! Spero mi perdonerete…

Il té è poco presente al Salone del Gusto. Ho individuato solo 3 stand in tutto il Salone, più qualche infuso qua e là.

Ecco il frutto delle mie ricerche:

  1. Domori Agrimontana Damman: propone un té bianco di Natale aromatizzato alla ciliegia e ai consueti flavours natalizi, loose tea in boite di latta, e un té verde di Natale, anch’esso loose tea in boite di latta, più alcune confezioni regalo
  2. Shimodozono International GmbH – Keiko: un’azienda tedesca che importa dal Giappone il té verde, propone vari té verdi – e un interessante dépliant non solo pubblicitario sul té verde – ma si fa notare soprattutto per il cioccolato al matcha, interamente verde e delizioso (lo avrei voluto acquistare, ma non sono stata in grado di ritrovare lo stand!) più alcuni biscottini al té molto interessanti.
  3. Spaziomusa: un importatore italiano di té matcha Uji Bio, da cui ho finalmente acquistato il mio primo matcha. Dovevo togliermi lo sfizio, prima o poi, anche se ho sempre desistito per via del prezzo elevato ma, dato che possiedo già il frullino in bambù, ho deciso che è giunto il momento. Vi farò sapere…

Questi gli stands. Qua e là qualcuno vendeva qualche infuso. Così ho acquistato ad uno stand sudamericano l’infuso di yakòn, una pianta tuberosa delle Ande, ignota ai più, dalle cui foglie si ricava, per l’appunto, lo Yakòn tea. Il sapore è dolciastro, le foglie verdi sono sminuzzate finemente e il colore dell’infusione è un giallo/verde tuttosommato rassicurante. Non è sicuramente un darjeeling, ma è un esperimento che valeva la pena di fare.

Questo è quanto. Il té non è considerato, evidentemente, un prodotto da valorizzare e promuovere, come sta accadendo invece per le birre. Eppure sono tanti i paesi, oltre al Giappone, che lo producono: tutta l’Asia, innanzitutto, Cina, India, Ceylon, il mondo arabo, sia Medioriente che Africa NordSahariana, la Russia, e poi c’è il rooibos africano, il Mate sudamericano…niente, non pervenuti. Sarà per la prossima edizione?

salone del gusto 2010

il Salone del Gusto 2010

Té e miele: un abbinamento dolce ed efficace

Nello scorso post vi parlavo di come un cucchiaino di miele aggiunto in una tazza di té porti un sollievo naturale in caso di gola arrossata e di tosse. Il miele è un dolcificante e un emolliente naturale e queste sue caratteristiche sono risapute.

Abbinato col té, il miele svolge entrambe queste funzioni. Ma con tutti i té? Per esperienza, direi proprio di no.

Il miele, qualunque tipo di miele, ha bisogno di un té corposo, di carattere, carico: un té nero, insomma. Il té verde è troppo leggero e delicato, per non parlare del té bianco! Il campo, dunque, si restringe.

miele

Come dolcificante, il miele ha qualcosa in più rispetto allo zucchero, ovvero l’aroma. Per cui qui sta alla sensibilità e ai gusti di ognuno capire quali té neri – aromatizzati e non – possano stare bene con un cucchiaino di miele. Non solo, ma siccome esistono anche numerose qualità di miele, bisogna anche saper distinguere quale miele meglio si presta ad essere disciolto in una tazza bollente di té. A livello di consistenza, naturalmente è preferibile scegliere mieli fluidi a quelli più granulosi, mentre a livello di aroma…beh, tolte le suggestions che vi ho già fornito altrove, vi lascio liberi: tutto dipende da cosa volete far risaltare in tazza, se il profumo del té o quello del miele. Perché a prescindere dal fatto che il té di norma andrebbe sorbito senza alcuna aggiunta di latte, zucchero o miele, de gustibus non est disputandum

Quando il tè allevia il mal di gola…

Sia chiaro, il té non ha proprietà curative. Non fa guarire dal mal di gola, dal raffreddore e dai malanni di stagione. Ma aiuta. Reca sollievo. Non è un mistero che una bevanda calda faccia bene alla gola, che sia un massaggio naturale per una gola arrossata o addirittura in fiamme. E infatti il té, alcuni té in particolare, è molto efficace. Ecco quali sono i miei personali rimedi:

  1. Al primo posto si piazza il Lady Grey, perché il suo aroma agli agrumi è perfetto: la nostra mente lo associa alla vitamina C, per cui già ci sembra di stare meglio. Lui è ottimo già da solo, ma l’effetto sollievo aumenta se aggiungiamo un cucchiaino di miele. E se il miele è ai fiori d’arancio è ancora meglio!
  2. Segue l’Earl Grey. Il té al bergamotto, con la sua nota dolce e agrumata, è un sollievo naturale. Anch’esso è potenziato dal miele, che può essere ai fiori d’arancio o mille fiori.
  3. Un té nero arancia e cannella ci culla, perché ci fa credere che sia Natale e ci fa sentire coccolati. Il rinforzo al sollievo ce lo può dare una punta di miele d’acacia o ai fiori d’arancia: non deve incidere sulle papille gustative, ma deve massaggiare le tonsille.
  4. Anche un semplice té nero può alleviare il bruciore, purché rinforzato col miele giusto: un miele d’abete, che ci trasporta in montagna, facendoci credere di essere in baita, o in un più aromatico millefiori, che ci distrae dal nostro malessere portandoci in un etereo prato fiorito a tinte pastello.

State già meglio, vero? Vi auguro pronta guarigione!

tazza di té fumante

una bella tazza di té caldo allevia il mal di gola...